CHIUDI
CHIUDI

17.09.2020

La lavanderia sporca il torrente

La sostanza lattiginosa che ha inquinato il canale Reale a Bedizzole
La sostanza lattiginosa che ha inquinato il canale Reale a Bedizzole

Un fluido biancastro ha inquinato il torrente Reale di Bedizzole: la sostanza si è poi riversata nel canale irriguo della Seriola. «L’altra mattina - conferma il sindaco Giovanni Cottini - ho ricevuto una segnalazione e del materiale fotografico sul deflusso della sostanza nel torrente Reale, quello che si trova dietro via Caselle e che poi prosegue fino a Monteroseo e da lì confluisce nella Seriola Lonata». Nella veste di assessore all’Ecologia, il vicesindaco Flavio Piardi ha subito mobilitato la Polizia locale. «Sulla scorta del sopralluogo degli agenti abbiamo chiesto l’intervento dell’Arpa e di A2A che gestisce lo scarico di acque bianche». I tecnici e gli agenti, ispezionando tombino dopo tombino hanno individuato l’origine dello sversamento in una lavanderia industriale. «Stando ai primi accertamenti - svela il sindaco- pare che all’origine dell’episodio ci sia stata la rottura dell’impianto di depurazione. I liquidi utilizzato dalla lavanderia sono finiti accidentalmente nella rete delle acque bianche, da lì nel torrente che alimenta i canali d’irrigazione». Se la quantità e la tipologia di liquido scaricato fossero altamente inquinanti, per i titolari ci potrebbero essere anche conseguenze anche penali. Lo sversamento è stato interrotto non appena individuato, ma quali saranno le conseguenze del danno all’ambiente andranno chiarite nei prossimi giorni. «Un doveroso ringraziamento - sottolinea il vicesindaco -, va al residente per l’importante segnalazione e chi ha operato per risalire alla causa ed ai responsabili dello sversamento, la tutela dell’ambiente ed il suo rispetto sono priorità della nostra Amministrazione comunale». •

N.ALB.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1