CHIUDI
CHIUDI

20.12.2019

Locantore: «Pretendo le scuse»

Il Comune di Lonato: ancora tensioni sul caso Locantore-Vanaria
Il Comune di Lonato: ancora tensioni sul caso Locantore-Vanaria

Il consigliere comunale Andrea Locantore, della civica Progetto Lonato, fa sapere con una comunicazione scritta che ha deciso di non partecipare più alle convocazioni del Consiglio fino a quando non gli arriveranno le scuse pubbliche da parte dell’assessore leghista Roberto Vanaria, che gli aveva rivolto espressioni poco auliche nell’ultima seduta. L’episodio è successo nel Consiglio comunale del 20 novembre: un’espressione piuttosto colorita, volata fuori onda dall’assessore Vanaria all’indirizzo di Locantore che stava presentando una mozione di emergenza climatica. Il presidente del Consiglio Nicola Ferrarini, non poteva, accogliere la richiesta di lettura immediata della comunicazione di Locantore, dandone la possibilità solo al termine del Consiglio. Cosa che poi non è avvenuta in quanto, nel momento in cui Flavio Simbeni, capogruppo di Progetto Lonato, si accingeva a farlo molti consiglieri della Lega avevano già abbandonato l’aula. Rimane agli atti il documento e una scena politica che si sta muovendo in vista delle elezioni di primavera. Locantore lamenta gli «atti irrispettosi» e ravvisa come «da molto tempo, in questo Consiglio comunale, qualcuno non fa uso della libertà di pensiero, ma pretende invece come compenso la libertà di parola e di offendere. Ringrazio alcuni consiglieri e tutti i concittadini che mi hanno fatto pervenire pubblicamente e privatamente la loro solidarietà. Ringrazio il presidente del Consiglio per le parole di condanna espresse via mail il giorno dopo la seduta e per la volontà di convocare la commissione per le riforme al fine di introdurre poteri di sospensione per chi insulta e offende. è importante ascoltare tutti - conclude Locantore -. Ma poi bisogna agire». •

R.DAR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1