CHIUDI
CHIUDI

07.07.2019

In birreria con la pistola: arrestato dai carabinieri

Nella notte sono intervenuti i carabinieri: arresto convalidato
Nella notte sono intervenuti i carabinieri: arresto convalidato

Ieri mattina era ancora in carcere a Brescia, in attesa di essere interrogato dal magistrato dopo la convalida dell’arresto, il protagonista di una incredibile «notte brava» in uno dei locali più conosciuti e frequentati della Valtènesi, ovvero la birreria artigianale di Manerba, sulla strada Provinciale 572 verso Salò. IL REATO più serio di cui potrebbe essere accusato è la detenzione illegale di arma da fuoco: dopo aver fatto il pazzo nel locale, all’arrivo delle forze dell’ordine è stato infatti perquisito, con la sorpresa di trovarlo in possesso di una pistola carica e con munizionamento letale. Anche lui nella tarda serata di venerdì ha fatto «tappa» nel locale, sempre gremito di turisti e di ragazzi del posto e di turisti per una buona birra, ma a qualcosa deve avergli dato letteralmente «alla testa». Secondo quanto riferito a Bresciaoggi da alcune testimonianze, il soggetto avrebbe dato in escandescenze, disturbando i clienti e il personale con un atteggiamento provocatorio, a tratti minaccioso. All’arrivo dei carabinieri (Manerba è sotto la competenza della Compagnia di Salò) i militari sono riusciti a riportare la calma. Ma quando è scattata la perquisizione del soggetto disturbatore, ecco l’imprevisto: in un marsupio che portava allacciato al corpo, custodiva una pistola, vera e carica. Si tratta di un revolver, ovvero una pistola a tamburo, di quelli vistosi: ricoperto con una cromatura argentata, come le armi che si vedono spesso nei film. Una calibro 38 perfettamente in grado di sparare, che nel tamburo aveva sei colpi: due pallottole di tipo «wad cutter», con il proiettile a punta piatta da tiro a segno, ma altre quattro con dei pericolosi proiettili a espansione. Arma che risulta detenuta illegalmente. Scattato l’arresto e la successiva convalida, il soggetto, di cui non sono note le generalità, è stato portato in carcere a Brescia a disposizione del magistrato.

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1