CHIUDI
CHIUDI

12.05.2019

L’arco di Balbiana risorto dalle macerie torna a unire il paese

C’era tutto il paese per l’inaugurazione dell’arco ricostruito
C’era tutto il paese per l’inaugurazione dell’arco ricostruito

Ritorno al passato, dopo un’attesa lunga quasi tre anni: l’antico arco di Balbiana, che risale al XV secolo, è stato ricostruito pezzo dopo pezzo, fedelissimo all’originale (con le stesse pietre) dopo che nel novembre del 2016 era stato abbattuto dal furgone guidato da un giovane al suo primo giorno di lavoro, probabilmente ingannato dal navigatore. Il cantiere in realtà è stato smontato già da un pò, ma il taglio del nastro è arrivato ieri mattina: «Il nostro arco è di nuovo integro - ha detto il sindaco Isidoro Bertini - e ora è ritornato più forte e più bello di prima». Lo hanno ricostruito tale e quale grazie al lavoro certosino degli architetti Mario e Paolo Toselli, padre e figlio che si sono occupati del progetto, e degli ingegneri Emanuel Perati e Massimo Pilati, con le opere edili a cura della Società Generali Costruzioni di Toscolano. Le pietre dell’arco abbattuto sono state numerate una ad una, trasportate al magazzino comunale dove la struttura è stata ricomposta allo stato dell’arte, sulla base di una gigantografia a grandezza naturale, e poi di nuovo ricostruita in loco, e rinforzata (ma con materiali storici, quindi niente cemento). Nota curiosa: al taglio del nastro c’erano sia il sindaco Bertini che il suo vice Flaviano Mattiotti. Separati in casa: alle elezioni del 26 maggio saranno avversari. •

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1