CHIUDI
CHIUDI

02.07.2020

«#OcchioAllaCicca», il riciclo dà un’altra mano all’ambiente

La presentazione dell’iniziativa contro i mozziconi gettati in spiaggia
La presentazione dell’iniziativa contro i mozziconi gettati in spiaggia

Si chiama «#OcchioAllaCicca»: è il nuovo progetto di tutela ambientale promosso dall’associazione 5R Zero Sprechi e dal Lions Club International. In pratica, per evitare l’abbandono di mozziconi di sigaretta sulle spiagge, attivisti e volontari consegneranno ai bagnanti dei comodi contenitori portatili, tutti realizzati a mano con materiale di recupero. Martedì pomeriggio la prima uscita dell’iniziativa, nell’unica spiaggia attrezzata di Moniga: agli ospiti sono stati consegnati diversi contenitori, che poi (almeno per ora) sono stati restituiti all’uscita dalla spiaggia. Non appena ci sarà una massa critica di porta-cicche, si potranno acquistare con una offerta libera così da poter essere riutilizzati in altre location balneari. I contenitori sono ricavati in vecchie custodie per occhiali, altrimenti destinate all’incenerimento. Al loro interno della carta stagnola, su cui è posizionato un tappo di sughero (che serve per spegnere la sigaretta). «Con questo progetto - spiegano i Lions e 5R - vogliamo evitare la dispersione dei mozziconi e riprogettare un manufatto che sarebbe stato bruciato. I Lions da molti anni sono impegnati nella raccolta e nel riciclo degli occhiali usati, che vengono inviati in Paesi poveri e in zone colpite da eventi catastrofici. In occasione di un incontro, in un’isola ecologica, tra un volontario della 5R e un responsabile Lions, abbiamo proposto di recuperare le custodie destinate al rifiuto indifferenziato per un progetto di riuso. Così è nato #OcchioAllaCicca». I mozziconi sono rifiuti altamente inquinanti: le ultime stime confermano fino a 200 milioni di sigarette fumate (al giorno) solo in Italia e, chissà, quante cicche disperse nell’ambiente. Ma se il mozzicone impiega tra 6 mesi e 1 anno a dissolversi naturalmente, diversa è la questione del filtro (che potrebbe metterci anni): in ogni caso nel terreno vengono rilasciate sostanze tossiche. La tappa di Moniga è solo la prima del tour gardesano di «#OcchioAllaCicca»: nei prossimi giorni saranno rese note le altre location. Nel frattempo sono due le spiagge del Garda bresciano (a Manerba e Limone) dove è vietato fumare, anche all’aperto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.GATT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1