Piscine fotovoltaiche contro il caro-bollette

La piscina comunale di  Salò sarà dotata di impianto fotovoltaico
La piscina comunale di Salò sarà dotata di impianto fotovoltaico
La piscina comunale di  Salò sarà dotata di impianto fotovoltaico
La piscina comunale di Salò sarà dotata di impianto fotovoltaico

Al netto del nuovo contributo del Comune di Salò alla Società Canottieri Garda di Salò, di 100 mila euro per contenere gli effetti negativi sulla gestione degli impianti comunali a causa delle ripercussioni pandemiche, c’è da registrare alla piscina comunale l’affidamento a Garda Uno del lavoro che comprende il rifacimento della copertura dell’impianto di via Montessori mediante l’installazione di pannelli solari fotovoltaici. L’intervento del costo complessivo di circa 500 mila euro ha già il parere favorevole di massima della Soprintendenza e sarà finanziato per 350 mila euro con un contributo regionale per l’efficientamento energetico, mentre la restante parte di 150 mila euro attraverso il bilancio comunale da spalmarsi in nove rate annuali a Garda Uno che li anticipa. «Si tratta di un lavoro indispensabile – sottolinea il sindaco di Salò Gianpiero Cipani - sia per lo stato della copertura ormai improponibile, sia perché consentirà un notevole risparmio energetico della gestione, mai come di questi tempi indispensabile. Soprattutto per garantire il funzionamento di impianti comunali del genere». Far quadrare i conti negli ultimi due anni infatti, già gravati dalle chiusure pandemiche e dall’allontanamento degli utenti per i protocolli sanitari, è davvero difficile per i gestori delle piscine pubbliche e soluzioni come queste possono rappresentare il toccasana Più o meno come per il MuSa, il museo cittadino che anche in questo caso, prossimamente verrà dotato di pannelli solari. Nello specifico non verranno installati sulla copertura dell’edificio ma all’ultimo piano del parcheggio civico adiacente. «Anche qui – comunica il sindaco del Comune di Salò Gianpiero Cipani – stiamo concludendo un accordo con l’attuale gestore del parcheggio civico in base al quale, a fronte dell’installazione a sue spese dei pannelli solari nella sua struttura, necessari per garantire la climatizzazione degli spazi del museo cittadino, gli verrà concessa in cambio una proroga per l’utilizzo del parcheggio stesso. Accordo importante – sottolinea il primo cittadino – perché proprio quella dell’energia è la spesa più importante del MuSa, la temperatura deve essere sempre mantenuta a certe condizioni, anche d’estate attraverso l’aria condizionata». •. L.Sca.