CHIUDI
CHIUDI

26.11.2020

Sfida per l’acquedotto: il verdetto può attendere

Sarà necessario attendere ancora per il pronunciamento del Consiglio di Stato sul ricorso del Comune di Limone contro l’Ufficio d’ambito di Brescia e nei confronti di Garda Uno per la questione acquedotto. Lo scorso maggio in piena emergenza pandemica il Comune aveva chiesto il rinvio per poter preparare al meglio l’attività difensiva e in sede giurisdizionale, venne accolta la richiesta per il rinvio della trattazione dell’appello per far valere i requisiti per la gestione in autonomia dell’acquedotto comunale. Limone è convinto di avere i requisiti per proseguire la gestione in autonomia del servizio idrico, in deroga al principio dell’unicità della gestione nell’ambito: l’approvvigionamento da fonti qualitativamente pregiate, sorgenti in parchi naturali o aree naturali protette ed un utilizzo efficiente della risorsa. Ora nel mezzo della seconda ondata tutto rimandato a data da destinarsi e quindi, fino all’udienza di merito, cesseranno anche gli effetti di ogni atto di diffida ad adempiere a carico del Comune. •

L,SCA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1