Sorpresa archeologica in piazza San Marco

di Luciano Scarpetta
La base di un muro in pietra di età romana: sotto piazza San Marco a Maderno una «sorpresa archeologica»Alcuni reperti sono forse tombe
La base di un muro in pietra di età romana: sotto piazza San Marco a Maderno una «sorpresa archeologica»Alcuni reperti sono forse tombe
La base di un muro in pietra di età romana: sotto piazza San Marco a Maderno una «sorpresa archeologica»Alcuni reperti sono forse tombe
La base di un muro in pietra di età romana: sotto piazza San Marco a Maderno una «sorpresa archeologica»Alcuni reperti sono forse tombe

Si è infilata una «sorpresa archeologica» tra i sostenitori e i contrari al progetto di riqualificazione di piazza San Marco a Maderno, a lavori attualmente in corso, preceduti da spunti polemici anche vivaci nei mesi scorsi. Dal municipio giungono chiarimenti sui ritrovamenti storici, di origine romana, affiorati durante gli scavi a ridosso della monumentale chiesa di Sant’Andrea della piazza, risalente al XII secolo. L’edificio religioso è uno dei più mirabili esempi di architettura romanico-lombarda e si ritiene sia stata costruita su un edificio sacro ancora più antico, forse proprio un tempio romano. Per questo c’è giustificabile curiosità sui resti rinvenuti a fianco della chiesa alla ripresa dei lavori di sistemazione della piazza San Marco dopo la sospensione per la stagione estiva. «Come tutti avranno notato – è spiegato dal Comune - la zona ora oggetto di intervento è quella a ridosso della chiesa monumentale, volutamente affrontata in autunno per avere il tempo sufficiente anche per approfondimenti dovuti ai ritrovamenti storico-archeologici nel sottosuolo. Lavori costantemente sorvegliati da archeologi in accordo con la Soprintendenza. Il rifacimento della pavimentazione del sagrato e del primo tratto di via Benamati sono quindi divenuti anche l'occasione per studiare e documentare quelle parti del monumento che fino ad oggi non erano visibili in quanto poste sotto la quota del pavimento esterno». Ma che cosa è emerso? «Alcuni conci di pietra di epoca romana sono stati riscontrati nel primo corso al piede delle facciate, come alcune sepolture appena fuori (anche se deteriorate da precedenti scavi), e alcune tracce di edifici di epoca precedente a quella della chiesa. Nulla di eclatante - si prosegue - ma comunque di interesse storico quale testimonianza delle antiche edificazioni e stratificazioni. Tutto è stato rilevato, fotografato e documentato. Gli esiti verranno illustrati e riportati in una relazione specialistica di alto valore documentale». Ma i lavori di riqualificazione della piazza, ora, dovranno forse fermarsi? Qualcuno propende per la sospensione. per consentire indagini più approfondite, o piuttosto di coprire con una vetrata i resti rinvenuti sotto il piano stradale, in un sito di indubbia rilevanza storica. Ma non sarà così: «I ritrovamenti verranno successivamente, e con cautela, reinterrati, e non comporteranno variazioni al progetto predisposto, i cui lavori proseguono come previsto». •.