tignale

Surfista tedesco disperso nel Garda, trovata solo la tavola. Speranze al lumicino

Le acque del Garda al largo di Tignale
Le acque del Garda al largo di Tignale
Le acque del Garda al largo di Tignale
Le acque del Garda al largo di Tignale

Sul lago di Garda continuano le ricerche del surfista tedesco di 54 anni scomparso da ieri pomeriggio, sabato 9 aprile,  nelle acque a largo di Tignale. L’impegno della Guardia Costiera, dei carabinieri e dei vigili del fuoco non ha dato ancora esito. Il forte vento che si è alzato ieri sulla provincia, con raffiche oltre i 60 all’ora e la burrasca che ha trasformato la calma del lago in mareggiata, potrebbero aver messo in seria difficoltà il 54enne che non è più tornato a riva. L'uomo è stato notato a bordo della sua tavola a vela in località Prà de la Fam, nei pressi della limonaia situata a fianco della Gardesana. E quella stessa tavola,  è stata rinvenuta a pochi metri dalla costa, vicino al circolo velico di Toscolano Maderno, verso le 3 di notte, mentre l’elicottero dell’Aeronautica e la motovedetta della Guardia Costiera erano impegnati in attività di ricerca su una vasta area che abbracciava il centro e alto Garda. «Le ricerche proseguiranno anche nella giornata di oggi mediante l’impiego di altre unità navali e di elicotteri, per cercare di individuare il disperso» fa sapere la Guardia Costiera. Il centro di coordinamento delle ricerche è stato allestito in via Religione a Toscolano Maderno. Sempre sabato pomeriggio la Guardia Costiera è intervenuta per soccorrere un diportista che, a bordo di un gommone al largo del porto di Portese, a San Felice, si era infortunato a una mano. L'uomo, accompagnato a riva, è stato affidato alle cure del 118.