CHIUDI
CHIUDI

29.11.2020 Tags: Lonato del Garda

Tav, demolito
il primo ponte
sull’autostrada

L’autostrada A4 è stata chiusa ieri sera dalle 20 fino alle 6 di questa mattina in entrambe le direzioni di marcia tra Brescia est e Desenzano per la demolizione del cavalcavia nel territorio di Lonato da dove inizierà la lunga galleria AGENZIA FOTOLIVELa preparazione delle possenti «pinze» che nella notte hanno sbriciolato il cavalcavia AGENZIA FOTOLIVEIl ponte da demolire privato delle rampe di accesso AGENZIA FOTOLIVEGli operai guidano i preparativi della demolizione AGENZIA FOTOLIVE
L’autostrada A4 è stata chiusa ieri sera dalle 20 fino alle 6 di questa mattina in entrambe le direzioni di marcia tra Brescia est e Desenzano per la demolizione del cavalcavia nel territorio di Lonato da dove inizierà la lunga galleria AGENZIA FOTOLIVELa preparazione delle possenti «pinze» che nella notte hanno sbriciolato il cavalcavia AGENZIA FOTOLIVEIl ponte da demolire privato delle rampe di accesso AGENZIA FOTOLIVEGli operai guidano i preparativi della demolizione AGENZIA FOTOLIVE

Autostrada chiusa dalle 20 di ieri sera fino alle 6 di questa mattina tra i caselli di Brescia Est in direzione Venezia e di Desenzano in direzione Milano, per consentire l’abbattimento del corpo centrale in cemento del cavalcavia all’altezza della Cascina Faccendina a Lonato del Garda, poco dopo il confine con Calcinato. È IL PRIMO ponte tra Calcinato e Lonato ad essere demolito nell’ambito delle opere per la realizzazione della tratta Brescia-Verona della nuova linea ferroviaria ad alta velocità. Nei mesi scorsi erano già state eliminate quasi interamente le due rampe d’accesso che conducevano a nord alla sede della Feralpi e a sud alle cascine della zona: ora l’intervento sopra la sede autostradale. Gli ultimi preparativi sono stati messi a punto nel grande terreno dove è allestito il cantiere di servizio, a sud della A4, e poi, per tutta la notte, alla luce dei dispositivi artificiali assai intensa è stata l’attività di decine di uomini e mezzi per riconsegnare pulita e in ordine la sede autostradale prima dell’alba. Nei prossimi mesi proprio in questo punto partiranno i lavori per lo scavo della grande galleria artificiale a due canne a singolo binario, che si infilerà progressivamente fino a una profondità di 40 metri sotto terra, per sbucare nel territorio di Desenzano, qualche centinaia di metri oltre la località Lavagnone, dopo aver percorso 7 chilometri e 371 metri in affiancamento all’A4. Il tunnel sarà suddiviso in tre tronconi. Al centro vi sarà un tratto naturale di 4.757 metri, scavati con una talpa meccanica, a un paio di decine di metri sotto il piano di campagna, mentre ai lati i due imbocchi artificiali saranno di 1.250 metri al lato ovest e 1.346 metri al lato est. Ancora più a ovest, in località Rovadino, dopo il disboscamento di gran parte del doppio filare di alberi ad alto fusto al fine di consentire la costruzione di una strada di servizio alle aree di cantiere, ora proseguono i lavori per la costruzione del sottopasso e lo scavo di un’altra galleria di esigua lunghezza che attraverserà il Monte di Sotto. Ancora tutto fermo invece in via Zemogna a Calcinato, fra il campo sportivo Vincenzo Bianchi e l’autostrada, destinata a diventare la principale arteria di collegamento con la Statale 11, un’altra delle zone più delicate, vuoi per gli insediamenti che per la viabilità: in fondo alla via verrà costruito un nuovo ponte sul fiume Chiese il quale immetterà a est in via Cavour, a Calcinatello, verso l’ex Strada statale 11 che porta in città. Per ora sono state delimitate le aree di cantiere e di deposito dei materiali. Nella notte fra sabato 12 e domenica 13 dicembre verrà effettuato un intervento analogo a quello odierno, questa volta per demolire, poco più a ovest, nel territorio di Calcinato, un altro storico cavalcavia sulla Serenissima, dopo che nelle scorse settimane sono state abbattute e rimodulate le due rampe di accesso che portavano rispettivamente alla chiesetta dei santi Anna e Gioacchino e alle cascine del Gazzo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Flavio Marcolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1