CHIUDI
CHIUDI

28.11.2020

Una «cittadella» per la salute Scatta la corsa contro il tempo

I Colli di Lonato: parte dei pazienti trasferiti temporaneamente alla Rsa di Prevalle
I Colli di Lonato: parte dei pazienti trasferiti temporaneamente alla Rsa di Prevalle

Meno ombre e decisamente qualche luce in più sulla situazione sanitaria e dei servizi del territorio dopo il Consiglio comunale di Desenzano di giovedì: il trasporto verso Prevalle dei pazienti in riabilitazione ai Colli di Lonato, ospedale da riqualificare, verrà sicuramente organizzato; i servizi del territorio dell’Asst Garda troveranno uno spazio adeguato nel futuro centro socio-assistenziale del Comune e l’accordo con i medici per la campagna vaccinale è stato raggiunto. QUESTE le novità di maggior peso emerse nella seduta consigliare richiesta dall’opposizione e per la prima volta completamente dedicata al tema sanità. «Abbiamo partecipato all’incontro informativo organizzato a porte chiuse dall’Amministrazione con i vertici di Asst Garda e ricevuto una puntuale descrizione ma non è stato possibile fare domande in merito - ha esordito il consigliere Pd Maurizio Maffi - I cittadini attendono risposte, questa è l’occasione di agire nel piccolo per cambiare il modello di sanità territoriale lombardo». «Le preoccupazioni dei cittadini sono molte e gli incontri a porte chiuse non ammissibili - ha sottolineato Giustina Bonanno, neo consigliere per la lista Righetti - Bisogna passare dalle parole alle azioni concrete, chiedo al sindaco di farsi capofila con gli amministratori dei paesi interessati per portare con forza la voce del territorio anche in Regione». Il sindaco Guido Malinverno, che di recente ha trovato un accordo con i medici di medicina generale e messo a disposizione 8mila euro per garantire in sicurezza la campagna vaccinale, ha messo in fila le criticità più urgenti e garantito una futura comunicazione costante con i cittadini: «La riabilitazione a Prevalle sarà attiva dal 9 dicembre, stiamo organizzando con i servizi sociali e l’Auser il trasporto per i 140 pazienti che già venivano accompagnati a Lonato e anche di coloro che davvero dovessero averne bisogno, dando disponibilità per l’acquisto di un nuovo mezzo». La novità di un centro unico socio-sanitario è di sicuro l’intervento di maggior peso: «Ho già proposto nel 2019 la creazione di un centro in zona viadotto sui terreni di proprietà comunale che possa inglobare sia i servizi del territorio di Asst Garda che i servizi sociali, attendo un riscontro da Asst entro Natale e che spero positivo. Tengo a precisare che i tempi per realizzarlo ci sono e che piuttosto faremo un polo delle emergenze in meno se necessario». «Siamo soddisfatti di questo risultato - ha spiegato sempre Giustina Bonanno - il sindaco ha accolto le nostre preoccupazioni e proposte, l’unico rammarico resta riguarda alla poca attenzione per le lunghe liste d’attesa delle visite ambulatoriali, adesso continueremo a monitorare affinché gli impegni presi vengano mantenuti». Un’annotazioen: il Consiglio è stato tra i più seguiti dai cittadini via streaming, con un unico neo che sta facendo discutere: la cancellazione immediata di tutti i commenti nella chat. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvia Avigo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1