Botticino, l'Istituto Comprensivo dona 630 euro per le famiglie bisognose

di Fabio Pettenò
L'iniziativa di solidarietà della scuola Rinaldini di San Gallo che ha consegnato l'assegno al dicono Piero. E il 14 marzo spazio alla sicurezza dei pedoni con il Pullman Azzurro della Polizia di Stato
La consegna dell'assegno, fondi che aiuteranno le famiglie bisognose di Bottticino
La consegna dell'assegno, fondi che aiuteranno le famiglie bisognose di Bottticino
La consegna dell'assegno, fondi che aiuteranno le famiglie bisognose di Bottticino
La consegna dell'assegno, fondi che aiuteranno le famiglie bisognose di Bottticino

Solidarietà e sicurezza. Due temi caldi per l'Istituto Comprensivo di Botticino. Le scuole del comune della Valverde sono state protagoniste di due importanti iniziative in pochi giorni. Da una parte l'aspetto solidale: devoluti in beneficenza i 630 euro raccolti dalla scuola Rinaldini di San Gallo nel corso della serata celebrativa del Natale. L'assegno è stato consegnato dal dirigente Giampiero Cerri nelle mani del diacono Piero. Nel pieno spirito della comunità, del sentirsi parte integrante di un territorio l’IC di Botticino ha voluto effettuare questo gesto di amore a favore di una delle realtà che operano nel nostro comune affinchè il ricavato possa aiutare le famiglie bisognose. Dall'altra parte il tema della sicurezza.

Nella giornata di martedì 14 marzo il Pullman Azzurro della Polizia di Stato ha fatto tappa alla scuola media “Giovita Scalvini”. A conclusione del progetto formativo organizzato dal Comune di Botticino e dalla Polizia Locale in collaborazione con l'Associazione Nazionale della Polizia di Stato, gli agenti della stradale insieme al comandante della Polizia Locale di Botticino Josef Meloni e al vice Leopoldo Cellitti hanno tenuto delle lezioni a tema ad oltre 200 tra ragazzi e bambini.

Gli agenti di polizia del Pullman Azzurro
Gli agenti di polizia del Pullman Azzurro

Nello specifico si è parlato di sicurezza per i pedoni: il modo corretto di attraversare la strada; sicurezza dei ciclisti: l'utilizzo di casco, luci e abiti catarifrangenti durante le ore notturne oltre all'immancabile accenno sulla sicurezza in macchina per grandi e piccoli derivante dall'utilizzo delle cinture di sicurezza. A turno tutte le classi sono salite a bordo del pullman e hanno seguito una lezione della durata di circa mezz'ora. Una giornata partecipata e molto costruttiva per gli alunni ai quali si sono aggiunti, incuriositi gli ospiti della “Scalvini”: i bambini dell'infanzia della “Caduti delle Cave”.