L’ex bacino «Gaburri» offerto a quattro milioni

La ex cava Gaburri sarà battuta all’asta a quasi 4 milioni di euro
La ex cava Gaburri sarà battuta all’asta a quasi 4 milioni di euro

Tre milioni 950 mila euro: è il prezzo base stabilito per l’ex cava estrattiva Gaburri in località Cascina Castella a Buffalora, che andrà all’asta mercoledì 24 febbraio. La stima è stata fissata secondo una serie di canoni legati al mercato immobiliare. Il comparto - 88.941 metri cubi, attualmente classificato come Suap, ovvero destinato alla «futura realizzazione di un nuovo impianto produttivo per la lavorazione di inerti e produzione Mps» - avrebbe dovuto ospitare il bitumificio, progetto ormai definitivamente tramontato. L’area è quasi completamente scavata ad una profondità di circa 10 metri, ed è vicina alla tangenziale Sud. Come si legge nell’avviso d’incanto, il Comune di Brescia ha prorogato al 31 dicembre 2021 il termine di validità del permesso di costruire. L’area, inserita in classe di «sensibilità molto elevata» dai vincoli paesaggistici, risulta occupata in forza di contratto d’affitto di ramo d’azienda. C.Reb.