Mensa scolastica? Aumenti compensati

Mense all’asilo: rette calmierate
Mense all’asilo: rette calmierate

La calma dopo la tempesta. Dopo le polemiche sul «riequilibrio» del sistema delle rette della mensa scolastica annunciato a febbraio, che avrebbe gravato in modo considerevole sul bilancio delle famiglie dei bambini della scuola primaria e dell’infanzia, colpendo praticamente tutte le fasce di reddito, l’esecutivo di Rezzato ha fatto un passo indietro. La Giunta la deliberato di abbassare la quota di iscrizione alla refezione scolastica, ritoccando le rette in base all’Isee. Rispetto a prima - 40 euro per Isee entro gli 8 mila euro e 70 euro dagli 8 mila in su per la scuola dell’infanzia, e rispettivamente 70 e 90 euro per la scuola primaria, per ogni bambino iscritto - ogni famiglia verserà un’unica quota di iscrizione al servizio di refezione, a prescindere dal numero di figli. Per la materna dovrà essere versata all’inizio dell’anno scolastico, indipendentemente dal numero dei pasti che verranno consumati nel corso dell’anno. Per la scuola primaria la quota andrà invece versata a consuntivo, solo qualora la presenza a pasto sia stata inferiore al 90%. Rimane invece invariata la rimodulazione del costo dei pasti: dai 3,30 al 7,10 euro al giorno, a seconda delle fasce di reddito Isee.•. C.Reb.

Suggerimenti