CHIUDI
CHIUDI

23.03.2019

Nuova mafia cinese Mani su riciclaggio e prostituzione

Un centro massaggi cinese fatto chiudere dai carabinieri
Un centro massaggi cinese fatto chiudere dai carabinieri

Brescia è la seconda provincia su scala regionale dopo Milano per radicamento della prostituzione cinese. Il dato emerge da Cross, il rapporto sulla presenza delle organizzazioni criminali in Lombardia. Le attività di sesso a pagamento fruttano oltre 20 milioni di euro all’anno. Ma si tratta della punta di un iceberg: gli investimenti di gruppi ispirati alla Triade in attività legali e illegali sono stati stimati in 700 milioni di euro l’anno. Brescia è soprattutto la «lavatrice» dove far fruttare i proventi di attività come la contraffazione di marchi e merce, il racket delle estorsioni, il «caporalato» e appunto lo sfruttamento della prostituzione gestita attraverso centri massaggi a luci rosse.•> REBONI PAG 21

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1