STOP VIOLENZA

Un manuale per guidare le donne fuori dall’incubo

di Cinzia Reboni
Fabio Bertarelli e il comandante della Polizia locale Marco Matteo Mensi
Fabio Bertarelli e il comandante della Polizia locale Marco Matteo Mensi
Fabio Bertarelli e il comandante della Polizia locale Marco Matteo Mensi
Fabio Bertarelli e il comandante della Polizia locale Marco Matteo Mensi

«Non sei da sola». È racchiuso nel titolo lo scopo del manuale destinato ad accompagnare fuori dal tunnel le vittime di violenza, soprusi e e stalking. Da Ospitaletto parte un progetto pilota che si concretizzerà a gennaio con la distribuzione a tutte le famiglie di una pubblicazione dedicata ai «consigli per prevenire situazioni di pericolo e tutti i recapiti utili per chiedere aiuto in caso di bisogno». L’idea si è «accesa» il 25 novembre, Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza di genere, e a tempo di record è diventata realtà grazie all’Amministrazione comunale e alla Polizia locale, con la collaborazione di Bertarelli Group grafica & comunicazione. «Siamo i primi in provincia di Brescia a promuovere questa iniziativa - spiega il comandante della Polizia locale Marco Matteo Mensi - e ci auguriamo che altri Comuni seguano la nostra strada. Negli ultimi periodi stiamo assistendo ad episodi che suscitano in tutti noi profonda indignazione. Dobbiamo rafforzare la nostra determinazione per prevenire questi episodi e per sostenere in ogni momento le donne che hanno bisogno di aiuto». Fare «rete», in questo caso, è indispensabile. «Tutti siamo chiamati a fare la parte che ci spetta - aggiunge Mensi -, a partire dall’attenzione e dall’ascolto quotidiano delle persone che vivono nella nostra realtà». Le statistiche dimostrano che, col passare del tempo, i maltrattamenti tendono a diventare più frequenti e più gravi. «Nella maggior parte dei casi non si tratta di atti impulsivi, ma di situazioni prevedibili. Un ciclo che può essere interrotto soltanto con l’intervento esterno - scrive il sindaco Giovanni Battista Sarnico sull’opuscolo -. Come esecutivo vogliamo dare tutte le informazioni utili a chi non ha ancora trovato il coraggio di chiedere aiuto, tendere la mano per dire che ci siamo. Ci muove la convinzione che, anche se una sola vita potrà essere salvata, ne sarà valsa la pena». La pubblicazione è stata realizzata grazie a Bertarelli Group, che ha fatto da «ponte» tra il Comune e gli sponsor che hanno sposato l’iniziativa, realizzando il progetto a costo zero. «Ci occupiamo di organizzare iniziative e incontri che spaziano su tematiche e fenomeni come il bullismo, la ludopatia, l’educazione stradale, anche con la consulenza di alcuni esperti - spiega Fabio Bertarelli -. Spesso sono proprio queste occasioni ad aprire uno spiraglio, e far sì che scatti una denuncia. L’obiettivo è quello di diffondere un messaggio semplice, chiaro ed efficace, sensibilizzare le persone e dimostrare alle donne che le istituzioni sono vicine». E allora ecco come «capire» cos’è il codice rosso e come funziona, cos’è lo stalking, quali sono le forme più diffuse di violenza, ed una serie di indicazioni per contattare le forze dell’ordine o i centri antiviolenza, le regole per la sicurezza in casa, sui luoghi di lavoro e sui mezzi pubblici. «É solo il punto di partenza - sottolinea Bertarelli -: molte donne non trovano il coraggio di denunciare. Noi vogliamo dire a tutte che non sono sole».•.