CHIUDI
CHIUDI

01.12.2019

Allarme frana, Monte non scaccia l’incubo

La trincea parafrane in località Monte si sta lentamente sbriciolando
La trincea parafrane in località Monte si sta lentamente sbriciolando

È decisamente un autunno di passione per tante persone che vivono nella fascia collinare del Sebino bresciano. Per esempio per i residenti nella frazione Monte di Marone: in tutto 30 famiglie quasi fuori dal mondo, che rimangono ancora parzialmente isolate dal capoluogo per gli effetti collaterali del maltempo. La loro situazione di disagio rimarrà tale ancora per un po’: una scelta necessaria per evitare rischi, in vista soprattutto delle nuove piogge previste nelle prossime ore, fatta dal sindaco Alessio Rinaldi, alle prese con una situazione di dissesto che resta nel campo dell’emergenza. Di fatto il passaggio sul collegamento stradale che porta verso il lago è a oggi consentito solamente ai pedoni. Nella mattinata di venerdì, accompagnato dai tecnici comunali e da un geologo, il sindaco ha raggiunto la frazione interessata dalla frana, e il sopralluogo ha portato alla stesura di una richiesta diretta alla Regione per il finanziamento di un intervento immediato attraverso un contributo di 50mila euro. È infatti emersa la necessità di proseguire i lavori iniziati immediatamente dopo la frana, con l’aiuto della protezione civile a fianco dell’impresa incaricata. «Crediamo che sia necessario realizzare altre terre armate - ha spiegato Rinaldi - per sostenere tutto il versante interessato al dissesto. Il problema è a monte, dove il troppo pieno di una tubazione della fognatura ha causato la formazione di un torrente di acque miste che lentamente, ma con forza, hanno di fatto allagato la zona impregnandola di liquidi, ammorbidendo il terreno e causandone il distacco». COSÌ, almeno fino a domani la strada rimarrà chiusa al traffico veicolare. Sempre a Marone, ma sulla sp 510, è stato invece riaperto lo svincolo in uscita di Collepiano: venerdì la squadra della Provincia ha sgomberato i massi franati sul manto stradale, effettuando ulteriori opere di disgaggio e di messa in sicurezza sul versante sovrastante la carreggiata. Per finire è stata riaperta anche la strada comunale di collegamento tra le frazioni collinari. •

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1