CHIUDI
CHIUDI

19.02.2020

Assalto armato
al caveau
del supermercato

L’ingresso del centro commerciale Le Torbiere di Corte FrancaLe indagini dei carabinieri sulla rapina sarebbero a una svolta
L’ingresso del centro commerciale Le Torbiere di Corte FrancaLe indagini dei carabinieri sulla rapina sarebbero a una svolta

Hanno agito con il sangue freddo e la determinazione di veri professionisti i componenti del commando che domenica sera, pistole in pugno, hanno rapinato il supermercato Famila annesso al centro commerciale le Torbiere di Corte Franca. Una cassiera e il direttore del punto vendita della catena della grande distribuzione, che si trova al pianterreno, hanno vissuto momenti di terrore. POCO PRIMA delle 19 una coppia di banditi, con il viso parzialmente coperto da una sciarpa, mescolandosi tra gli ultimi clienti che si aggiravano tra gli scaffali, ha raggiunto la zona degli uffici. Puntando la pistola alla tempia di una commessa e del direttore, hanno costretto il responsabile del supermercato ad aprire il caveau dove sono custoditi gli incassi. Dopo aver ripulito la cassaforte di oltre 10 mila euro, hanno intimato le vittime di non muoversi minacciandole di morte. Poi sono fuggiti. Poche persone si sono rese conto di quanto era successo: la circostanza ha evitato che, nel supermercato, si diffondesse il panico. Una volta superato lo shock, il direttore ha lanciato l’allarme e sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri della Compagnia di Chiari. Le indagini avrebbero già imboccato una pista precisa, anche grazie all’esame delle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza puntate sul parcheggio del centro commerciale. Non viene escluso che la coppia di rapinatori fosse spalleggiata da complici, che hanno presidiato l’ingresso del Famila durante l’assalto. L’IDENTIFICAZIONE dei responsabili della rapina, come detto, potrebbe essere questione di ore. Un anno fa, era il 6 febbraio, il centro commerciale le Torbiere è stato teatro di una rapina che ha trasformato la galleria dei negozi in un set di film d’azione: un commando di banditi, armato di pistole e fucili, ha assaltato il punto vendita di Gioielli di Valenza. All'ora di chiusura, quattro malviventi si erano fatti consegnare oro e gioielli per un valore di oltre 50 mila euro, seminando il panico tra i clienti e utilizzando gli estintori per creare nuvole di gas come diversivo. Poi i banditi erano stati identificati e arrestati. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1