CHIUDI
CHIUDI

14.04.2019

Bosco dei Tassodi: «La garzaia non ha esigenze di tutela»

Luigi Ferrari e Claudia Ploia, presidente e direttore del Parco Oglio nord, con un documento di undici pagine replicano al grido d’allarme per gli aironi lanciato dal Gruppo giovani ambientalisti di Paratico, Lega per l’abolizione della caccia, Lipu, Oipa e Legambiente. La delegazione che ha visitato il cantiere del Bosco dei Tassodi ha smentito i timori espressi, ribadendo che dove nidificano gli aironi non esiste «un vincolo di inedificabilità assoluta, ma un vincolo di tutela, salvaguardia, promozione e valorizzazione» per cui «è consentita la fruizione da parte del pubblico a scopo di ricreazione in rapporto con la natura e nel rispetto di essa». Per gli amministratori del Parco Oglio Nord il progetto in fase di realizzazione impiega materiali come legno e corten «compatibili con l’ambito tutelato, rispettano la normativa del Parco naturalistico e paesaggistico di competenza dell’ente» che ribadisce le finalità «di salvaguardia e tutela dell’ambiente e del paesaggio» spiegando inoltre che «la garzaia è nata e cresciuta in un contesto di elevata urbanizzazione e fruizione circostante» dove esistono diverse strutture come l’ex Rio, la stazione ferroviaria, il ponte per Sarnico, attività produttive e commerciali. Smentendo l’allarme per gli aironi il documento chiarisce che «l’area di nidificazione monospecifica dell’airone cenerino non è tutelata dalla Convenzione di Berna che tutela altri aironi». Il dossier fa notare che la garzaia di Paratico nel progetto «LIFE Gestire 2020» è al 90esimo posto tra le 167 censite, per cui «non evidenzia necessità di particolari attenzioni». Il documento del Parco infine fissa le future regole prescrivendo che l’area sia recintata, con accesso contingentato solo dal cancello, vietato nel periodo di nidificazione, e cartellonistica che spiega luogo e norme di comportamento. La conclusione: «Il progetto ha avuto la valutazione favorevole del Parco Oglio Nord perché l’intervento proposto è coerente con i vincoli normativi e pianificatori dell’area. La garzaia è consolidata in un contesto di significativa antropizzazione, secondo quanto previsto dal Progetto Life 2020 Gestire della Regione». •

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1