CHIUDI
CHIUDI

18.08.2019

«I rapinatori? Già liberi»

Il coltello impugnato dai rapinatori
Il coltello impugnato dai rapinatori

«Sono stato minacciato con un coltello da cucina ed ho reagito mettendo in fuga i rapinatori che sono stati identificati e denunciati, ma restano in libertà. Normale che ora sia preoccupato». È l’amaro sfogo di Luca Beluzzi, lo studente 18enne che venerdì pomeriggio ha fatto sfumare l’assalto al supermercato di famiglia a Pontoglio. I responsabili del colpo andato a vuoto al «Di Più» sono due fratelli di Chiari identificati poche ore dopo l’irruzione. Ma essendo trascorso il periodo della flagranza restano in libertà. «Sono riuscito ad evitare il fendente torcendo il polso a uno dei due individui - racconta Luca Beluzzi, un passato da pugile -. Non ho avuto paura, né mi sono intimidito quando ho dovuto riconoscere i rapinatori in caserma. Ora però non mi sento tranquillo: in teoria potrebbero vendicarsi con me o con la mia famiglia». •>CHIARI PAG 16

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1