CHIUDI
CHIUDI

02.12.2020

Identificato il clandestino travolto e ucciso da un crossover

Baligh Amama aveva 22 anni
Baligh Amama aveva 22 anni

La salma è stata ufficialmente riconosciuta da un cugino ieri pomeriggio. Ha dunque finalmente un’identità il giovane investito e ucciso da un crossover venerdì sera a Coccaglio. Si tratta dell’epilogo della complessa attività investigativa svolta dagli agenti della Polstrada di Iseo. Il morto non aveva documenti e nemmeno lo smartphone trovato vicino al luogo della tragedia era intestato a lui. Traducendo i messaggi degli sms si è risaliti a Baligh Amama, tunisino 22enne approdato in Italia da clandestino circa tre anni. Attualmente era ospitato da connazionali a Chiari dove molti lo avevano visto nei giorni precedenti l’incidente. Era stato fermato dalla polizia a Pozzarello in provincia di Grosseto fornendo un alias e successivamente a Milano. Nonostante i nomi falsi le sue impronte erano rimaste nel database del Viminale. La svolta è arrivata quando gli agenti sono risaliti al cugino che ieri ha effettuato il mesto riconoscimento del cadavere. I parenti più stretti residenti in Tunisia sono già stati avvertiti. Spetterà a loro occuparsi delle pratiche per il rimpatrio della salma. •

S.DUC.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1