CHIUDI
CHIUDI

21.06.2019

La maggioranza inciampa su Facebook

Facebook: a Iseo è polemica
Facebook: a Iseo è polemica

Un post su «Iseo…da migliorare», gruppo chiuso con 1200 iscritti, ha scatenato su Facebook una reazione a catena come da tempo non succedeva. Lo ha scritto il clusanese Raffaele Barbieri, neo-consigliere comunale di «Iseo sicura», in maggioranza: «Vi avviso che, per qualsiasi forma di segnalazione, lamentela o consiglio inerente a problematiche comunali, abbiamo deciso che per snellire qualsiasi forma procedurale e per assicurare a tutti il più rapido intervento possibile saranno prese in considerazione solo quelle problematiche segnalate via mail al Comune. Qualsiasi altra forma di segnalazione non sarà presa in considerazione». Apriti cielo, reazioni immediate: «Prima promettevano ascolto e partecipazione, adesso pretendono comunicazioni ufficiali». Annota sul gruppo Tiziana Belleri: «Prima ci rispondeva il sindaco in persona. Se dobbiamo scrivere mail, tanto vale che questo gruppo sia chiuso». Margherita Migliorini: «Il gruppo si chiama “Iseo…da migliorare”, non “A chi devo segnalare”. Ho sempre ritenuto utile sentire la voce dei miei concittadini in un modo così libero e democratico». «Bel modo di cominciare, comunque», punzecchia Elena Baruzzi. E altri ancora. L’amministratrice del gruppo «Iseo da migliorare», Monica Garavaglia, non ha dubbi: «Barbieri si è proposto male. Dovrebbe scusarsi». In difesa di Barbieri è sceso in campo, fra gli altri, l’assessore allo Sport Pierangelo Marini: «Una sortita dovuta all’inesperienza. Chi vuole scrivere sarà preso in considerazione e se vuole verrà ascoltato anche personalmente». Barbieri, che non ha deleghe specifiche, spiega: «Il sindaco, un assessore e due consiglieri non hanno Facebook. Canale difficile da tener d’occhio. Per me “Iseo da migliorare” va bene. Mi è sembrato che, per garantire interventi tempestivi, fosse meglio usare la mail dedicata». •

G.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1