CHIUDI
CHIUDI

09.08.2020

L’estenuante attesa è finita Entro fine anno aprirà l’attraversamento sul fiume

Le campate del nuovo ponte di Pontoglio pronto a fine anno
Le campate del nuovo ponte di Pontoglio pronto a fine anno

Forse sarà la volta buona per mandare in pensione il ponte romano di Pontoglio bassa, con il nuovo passaggio sull’Oglio collegato alla nuova tangenziale per Urago e Palosco che consentirà anche di snellire la circolazione sul confine provinciale. Nel cantiere, aperto da alcuni mesi, la Provincia ha investito circa 6,5 milioni di euro, la Regione 4 milioni, la provincia di Bergamo 500mila, come il Comune. I lavori in corso, con un cantiere lungo quasi un chilometro, non hanno inciso più di tanto sulla viabilità. Il progetto di massima che interessa la 469 risale agli anni ’70, ma solo nel 2004 l’accordo di programma tra Regione, province di Brescia e Bergamo, e i sindaci di Palazzolo, Gianpietro Metelli, e Pontoglio, Roberto Viola, ne permise l’avvio. All’accordo sulla riqualificazione della viabilità di confine parteciparono e contribuirono Regione, Province e i due Comuni. Pontoglio, che aveva accantonato 500mila euro e collaborato con l’ufficio tecnico alla redazione del progetto vide l’apertura del cantiere nel 2008. Dopo diverse interruzioni, (una per la scoperta di amianto smaltito nell’area di scavo), la ditta Milesi che si era aggiudicata l’appalto rinunciò al contratto e i lavori si fermarono, dando il via a un contenzioso durato anni. NEL 2018 la Provincia di Brescia ha riprese il progetto, redatto dall’architetto Perugini, affidandolo all’architetto Gianmaria Mazzoli, responsabile dell’ufficio tecnico provinciale, che lo ha adeguato alle esigenze della viabilità di Pontoglio e dei paesi limitrofi, mentre la Provincia provvedeva a liquidare gli espropri per realizzare il nuovo attraversamento che si inserisce in una viabilità con quattro rotatorie, per snellire il traffico. «È un’opera molto attesa non solo dai cittadini di Pontoglio - ha spiegato il consigliere provinciale delegato Andrea Ratti - ma dall’intero territorio attraversato dall’Oglio; risolve anche il problema del ponte romano assolutamente insufficiente per l’attuale traffico. I lavori procedono senza intoppi, per cui credo che l’insieme delle opere possa essere concluso per la fine dell’anno». © RIPRODUZIONE RISERVATA

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1