CHIUDI
CHIUDI

02.06.2020

La lezione dimenticata dei «ponti» sul Sebino

La scomparsa di Christo, l’artista che sul lago d’Iseo realizzò l’opera più magnificamente grandiosa che si sia mai vista da queste parti, «The floating piers», avrebbe potuto indurre tutti, soprattutto quelli che su quel lago vivono, a un pensiero. Quei ponti dai riflessi dorati come raggi calati dal cielo, che hanno unito e avvicinato, trasformano le isole in terraferma, reso possibile l’impossibile - camminare sull’acqua- chiamato moltitudini a percorrere insieme quell’immaginario eppure concreto tratto di strada, hanno poi lasciato tutto com’era. Opera sostenibile: raggiunto il risultato artistico e smontati i «ponti», il lago è stato restituito al mondo nella sua integrità. Dà tanto fastidio che proprio sul lago d’Iseo, mentre Christo moriva, ci sia stato in un luogo incantato come il Bùs del Quaì un raid di vandali balordi che non ha lasciato niente com’era, che ha sfregiato, che ha diviso.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1