Lungolago formato extra-large e ispirato al prodigio di Christo

L’angusto tratto di lungolago teatro del progetto di ampliamento
L’angusto tratto di lungolago teatro del progetto di ampliamento

Magari è suggestivo, ma decisamente troppo angusto. Ma il lungolago di Marone presto innalzerà il suo appeal turistico diventando extra-large. L’ampliamento non ha solo finalità per così dire estetiche, ma anche funzionali. Il progetto è stato approvato e affidato. A breve, presumibilmente con l'arrivo della primavera, partiranno i lavori secondo lo schema messo a punto dall'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Alessio Rinaldi, che ha ottenuto un contributo fondamentale dalla Regione. AMMONTANO a duecentomila euro le risorse messe a disposizione dalla Regione. Una quota che rappresenta la metà dell’investimento. Il resto sarà coperto dalle casse comunali. Il tracciato, con vista sul lago, collegherà la piazza di fronte alla chiesa parrocchiale e l'area del parco di Villa Vismara. «Verrà creata una vera e propria passerella - annuncia l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Mauro Zanotti - proprio di fronte a palazzo Cittadini e al porto. Stiamo parlando di una struttura in acciaio, con il camminamento in greenwood, che poggerà su quaranta palificazioni conficcate sul fondo del Sebino. Dal lungolago, dove si trova anche un parcheggio, si potrà quindi giungere alla spiaggetta pubblica camminando sulle acque». Christo e The Floating Piers, quindi, continuano a ispirare anche l’architettura urbana. La soluzione, ad esempio, è stata adottata anche a Pisogne, con la ciclopedonale di collegamento tra il capoluogo e Gòvine, oppure a Toline: a sbalzo sul lago, con vista suggestiva sul lago d’Iseo. I 46 metri di nuova passeggiata, su uno spazio di due metri e 20 centimetri amplieranno il lungolago già esistente, unendo così anche l'area del parco Rosselli e dell'imbarcadero. L’opera innalzerà il fascino turistico di Marone: dal 2016 - anno fondamentale per il settore sul Sebino - il borgo ha visto aumentare le presenze di ospiti, il numero delle case vacanza, dei Bad&breakfast e delle strutture ricettive in generale. APPARE scontato, dunque, che gli investimenti del Comune si stiano concentrando sul settore turistico. Basta pensare alla riqualificazione urbana appena terminata, oppure alla ristrutturazione delle strade del territorio. L'Infopoint, inaugurato in estate sulla centralissima via Roma, ha confermato il trend in crescita dei visitatori, che apprezzano Marone anche per le bellezze naturalistiche offerte che spaziano dalla Strada dell'olio all'antica Via Valeriana, passando per i sentieri di risalita per la corna del Trentapassi e per la zona delle falesie. E presto arriverà anche il lungolago extralarge. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Romele