CHIUDI
CHIUDI

30.05.2020 Tags: Iseo

Mercato ad alta tensione tra «futures» e formaggi

Dice «tensione sui mercati» e uno pensa al Mibtel, al Nasdaq, ai futures o allo spread, ai Btp o al babau delle agenzie di rating tipo Standard & Poor’s, poco standard e molto «poor», per noi, sotto questi scuri chiari di luna. Le azioni e i titoli, l’orso e il toro, il rally e il rimbalzo, sfilze di segni e di numeri: nel discorso a cui ci hanno abituati, questa dovrebbe essere l’idea moderna di «mercati». Ma ci sono altri mercati, quelli da cui tutto ebbe inizio: quelli delle bancarelle ai crocevia e nelle piazze, dove famiglie di ambulanti arrivano infreddolite all’alba per vendere dal banco, ai passanti, scarpe o formaggio. Qui ieri mattina a Iseo si è capito cosa significa davvero «tensione sui mercati». Causa Covid e distanziamento, molti banchi sono stati spostati, ma gli ambulanti si sono arrabbiati per la nuova collocazione: Covid o non Covid, hanno detto protestando, per di qui non ci passa anima viva.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1