il caso

Rovato, molesta le persone in attesa del treno prima di denudarsi

L'intervento della Polizia locale. Per placare la violenza del 40enne ubriaco è stato necessario sedarlo
Sabato sera movimentato alla stazione ferroviaria di Rovato
Sabato sera movimentato alla stazione ferroviaria di Rovato
Sabato sera movimentato alla stazione ferroviaria di Rovato
Sabato sera movimentato alla stazione ferroviaria di Rovato

Un bergamasco di 40 anni, completamente ubriaco ha cominciato a molestare i pendolari in attesa del treno creando scompiglio alla stazione di Rovato. Quando la Polizia locale lo ha fermato per identificarlo, per protesta si è spogliato davanti agli agenti. L’operaio dopo essere arrivato da Bergamo con il treno, non si per quale motivo, si è fermato nella sala d’aspetto della stazione di Rovato cominciando a importunare i viaggiatori. Non pago si è lasciato andare a bestemmie iniziando ad apostrofare alcune persone con apprezzamenti volgari. Alcuni pendolari hanno segnalato la situazione alla Polizia locale che intervenuta nel giro di pochi minuti.

Un intervento provvidenziale considerato che la situazione poteva degenerare, anche perchè qualche ragazzo provocato dall’ubriaco aveva cominciato a pensare di passare alle maniere forti. Tensione che la pattuglia della Polizia locale ha cercato di disinnescare. Ma nonostante gli sforzi e i tentativi da parte degli agenti il 40enne ha continuato a dare in escandescenza. A quel punto è stato bloccato, caricato sull’automobile di servizio e accompagnato in caserma. Ma qui il 40enne si è completamente denudato davanti agli agenti continuando a proferire minacce. Il fermato è diventato ingestibile e gli agenti sono stati costretti a chiedere aiuto ai sanitari che l’hanno sedato. La denuncia è scattata immediatamente per resistenza a pubblico ufficiale e oltraggio al pudore. •. S.Duc.