CHIUDI
CHIUDI

14.01.2020

«Pace in Medio Oriente» Dalla fiaccolata di Shalom l’appello di due vescovi

La fiaccolata di  Shalom, un grande momento di condivisione
La fiaccolata di Shalom, un grande momento di condivisione

Una voce forte e azioni concrete per la Terra Santa e per il Medio oriente: di drammatica attualità, ma al tempo stesso anche di sostanziale generosità, è il messaggio che dalla comunità Shalom di Palazzolo è stato lanciato in occasione dell’annuale fiaccolata per il Romitaggio di Getsemani. La bella giornata ha favorito le visite alla comunità di via Raspina a Palazzolo per la fiaccolata che precedeva la messa e il concerto Pro Romitaggio di Gerusalemme e l’aumento dei visitatori ha fatto spostare la partenza di quasi un’ora per consegnare le tremila fiaccole. MONSIGNOR Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli, con il responsabile del Romitaggio di Gerusalemme e con suor Rosalina, fondatrice della comunità Shalom, hanno introdotto la fiaccolata invitando tutti a pregare per la pace in Medio Oriente, «in un momento difficile - ha sottolineato il vescovo - scosso dai nuovi venti di guerra in relazione agli ultimi preoccupanti eventi». SUOR ROSALINA gli ha spiegato che la comunità, da quasi vent’anni impegnata nel sostegno al romitaggio di Gerusalemme, ha in programma nel 2020 una iniziativa analoga per la comunità cristiana di Betlemme, raccogliendo fondi per l’acquisto di terreni coltivabili che saranno affidati alla Custodia della Terrasanta, che li metterà a disposizione dei cristiani palestinesi. Intonato il rosario, la lunghissima fila di fiaccole si è snodata lungo i tre chilometri del percorso attraverso la campagna di Palazzolo, accompagnata dalle zampogne dei Fraticelli Francescani del Mandorlo che hanno fatto rivivere l’atmosfera del Natale appena trascorso, in un forte spirito di condivisione e di solidale concordia. Il corteo aperto dal carro con i bambini della comunità trainato da un cavallo de La Vecchia Fattoria di Pontoglio ha raggiunto il palatenda poco prima delle 19 sciogliendosi nel palatenda, già affollato, per la celebrazione della messa presieduta da monsignor Pierantonio Tremolada, vescovo di Brescia, che ha preceduto il concerto.

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1