CHIUDI
CHIUDI

06.01.2020

La Comunità di Shalom è sempre più «pet-care»

Gli amici a quattrozampe non sono stati allontanati durante la messaI cani sono una presenza festosa nella comunità di recupero Shalom
Gli amici a quattrozampe non sono stati allontanati durante la messaI cani sono una presenza festosa nella comunità di recupero Shalom

La civiltà contadina è ormai un ricordo, e allora anche la natività si adatta offrendo spazio a nuovi ospiti nella scenografia sacra. È successo durante la messa di santo Stefano celebrata dal vescovo Pierantonio Tremolada nel salone della comunità Shalom, a Palazzolo: attorno all’altare non c’erano sagome di pecore, ma alcuni cani in carne e ossa che hanno seguito la funzione per i volontari senza mai abbaiare. METICCI espressione dell’antichissimo melting pot canino, risultato di tanti incroci e con altrettante taglie, si sono accomodati in gran parte tra le sedie; ma alcuni quando la messa è iniziata sono tornati attorno all’altare e vicino alla culla della sacra famiglia. Suor Rosalina Ravasio, che li aveva fatti scendere all’inizio della celebrazione per non intralciare le danze della ragazze che hanno preceduto la funzione, ha spiegato che «fanno parte della comunità: sulla mia tomba accanto alla croce, alla Madonna e a Gesù, ho chiesto che ne mettano alcuni accucciati. I cani sono il simbolo della fedeltà: sono sempre accanto a noi in comunità, sono amici unici e disinteressati che non tradiscono mai, un esempio per tutti». A messa finita hanno seguito la religiosa nel grande cortile per i saluti. Tutti vaccinati e dotati di microchip, gli ospiti a quattro zampe della Shalom, abbandonati dai padroni o semplicemente randagi, sono diventati una presenza costante negli spazi della struttura che a Palazzolo ha mantenuto le attività caratteristiche della cascina in cui è nata. Alcuni preferiscono frequentare l’area delle ragazze in cui possono giocare con i bambini; altri preferiscono quella dei ragazzi e degli uffici: è quasi impossibile non incontrarli e, per chi ha paura, la presenza di suor Rosalina è una garanzia. Sono a Palazzolo, ma anche in tutte le altre sedi gestite dalla comunità: Pontoglio, Palosco, Villa d’Adda e Villa Albarè.

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1