CHIUDI
CHIUDI

04.05.2019

La sezione «Junior» dei Vigili del fuoco diventa una realtà

Ragazzi in caserma coi pompieri
Ragazzi in caserma coi pompieri

Avvicinare i ragazzi tra 10 e 18 anni di età ai Vigili del fuoco. Anzi, più che avvicinarli: connettere i ragazzi al Copro con corsi, attività e una cultura della sicurezza e della solidarietà, che giustamente parte dai più piccoli. è il frutto di una convenzione approvata dal ministero dell’Interno, tra il Comune di Palazzolo e il distaccamento dei Vigili del fuoco: previsto uno specifico corso di formazione per giovanissimi, con equipaggiamenti, attrezzatura e ovviamente l’assicurazione per entrare in azione. ALLA FIRMA dell’accordo si sono presentati per il Comune il sindaco Gabriele Zanni, e per i Vigili del fuoco il comandante provinciale Agatino Carrolo, il geometra Francesco Camiletti, Vvff Brescia, Maurizio Simoni comandante del distaccamento e Gianluca Rondi, responsabile allievi. Sindaco e comandante provinciale hanno sottolineato che l’approvazione del Ministero si è fondata sui risultati delle esperienze maturate con incontri, dimostrazioni e iniziative nelle scuole per far conoscere, con l’attività dei pompieri, i primi elementi per prevenire i rischi. Nella caserma di via Golgi si inizierà con 16 allievi under 18, 4 istruttori e 4 collaboratori del distaccamento che formano il «Gruppo di contatto Giovani e Vigili del fuoco». Gli incontri avranno cadenza quindicinale (il calendario è in via di definizione) e prevedono formazione teorica, dimostrazioni, esercitazioni, escursioni sul territorio. Il distaccamento, che nel 2018 ha effettuato 660 interventi e nel 2019 già oltre 200, punta su questi volontari «formati» per far fronte alle crescenti richieste. Il progetto pilota «Gruppo di contatto Giovani e Vigili del fuoco», istituzionalizzato, potrebbe diventare un modello per altri distaccamenti, come hanno sottolineato con orgoglio il comandante Carollo e il sindaco Zanni. •

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1