CHIUDI
CHIUDI

20.09.2019

Per i fondali del Sebino la Protezione civile arruola 1.500 bambini

Le scolaresche alla giornata conclusiva di «Puliamo i fondali»
Le scolaresche alla giornata conclusiva di «Puliamo i fondali»

Più di 1500 bambini e ragazzi delle scuole di Sebino e Vallecamonica hanno preso parte alla due giorni conclusiva del progetto «Fondali puliti», tenutasi tra Sarnico e Iseo. Organizzata da Autorità di bacino, la Navigazione e Manutenzione promozione laghi, col supporto delle associazioni di Protezione civile del territorio, la manifestazione ha gli studenti in diverse attività ecologiche. Dal recupero di materiale di scarto per creare oggetti di utilizzo quotidiano, al teatro di impegno sociale, le mostre dedicate alla fauna ittica e alla salute del lago, gli incontri con esperti subacquei e con le autorità sanitarie. Due giorni dedicati alla conoscenza approfondita dell’ambiente lago e alla sua salvaguardia. «È GIUSTO divulgare le buone pratiche ambientali - sottolinea Alessio Rinaldi, presidente dell’Autorità di bacino - ed è necessario partire proprio dai più piccoli. Parlare ai bambini della questione ambientale, del riciclo, del riuso deve diventare priorità». Un impegno, anche in termini economici, quello dell’Autorità di bacino, che continuerà anche nei prossimi anni, visto il grande successo e vista l’accoglienza da parte delle scuole del territorio. «Da anni l’Autorità promuove queste iniziative - ricorda Gloria Rolfi, direttore dell’ente di bacino – perchè crede fortemente nella formazione e delle nuove generazioni». L’ultimo appuntamento per il 2019 dell’iniziativa «Fondali puliti» si terrà domenica: le nove associazioni di Protezione civile che per le 4 tappe precedenti – Sulzano, Iseo, Castro, Pisogne si sono impegnate a scandagliare le acque dei porti e dei lidi sebini, si ritroveranno a Capo di Lago, sulle colline di Darfo Boario Terme, per pulire questa volta il fondale del lago Moro.

AL.ROM.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1