CHIUDI
CHIUDI

19.01.2020

Porto delle nebbie Al palo il cantiere per il maxi-pontile

Il presidente Alessio RinaldiTutto fermo sul punto dove dovrà sorgere il nuovo attracco dei battelli: richiesta una modifica progettuale per migliorare l’impatto visivoLa chiesa si trova proprio nel cono visuale della prevista biglietteriaAl momento nessuna traccia di attività sulle aree del cantiere
Il presidente Alessio RinaldiTutto fermo sul punto dove dovrà sorgere il nuovo attracco dei battelli: richiesta una modifica progettuale per migliorare l’impatto visivoLa chiesa si trova proprio nel cono visuale della prevista biglietteriaAl momento nessuna traccia di attività sulle aree del cantiere

Il cantiere è stato aperto diverse settimane, fa ma ad oggi non ci sono operai né mezzi al lavoro. In molti, passando, si sono chiesti il perché. A Sale Marasino, le opere per la realizzazione del nuovo pontile dei battelli, ancora prima di partire avevano fatto discutere tra loro maggioranza e minoranza in Consiglio comunale e avevano catturato l’attenzione di Legambiente, la cui bandiera, ormai ammainata, è ancora visibile sul selciato rosso di delimitazione dell’area. Il progetto, con un costo di più di 600 mila euro, totalmente finanziato da Regione Lombardia, prevede la costruzione del nuovo attracco e dell’ufficio biglietteria a poche decine di metri da quello già esistente. «IN QUESTO MOMENTO – ha spiegato Alessio Rinaldi, presidente di Autorità di Bacino - stiamo aspettando la risposta della Sovrintendenza, in merito allo spostamento di alcuni metri dello stabile che ospiterà la biglietteria della Navigazione Lago d’Iseo: nell’attesa i lavori si sono fermati, ma non c’è nessun caso. La ditta incaricata inizierà a breve le opere per la palificazione e la sistemazione del pontile, senza perdere ulteriore tempo». La richiesta per lo spostamento verso sud dello stabile in cemento, è frutto di un’analisi approfondita e di una decisione presa ascoltando le richieste dell’amministrazione comunale: «Due sono i motivi che ci hanno spinto a questo - continua Rinaldi -: il primo è relativo al fatto che il luogo su cui si sarebbe dovuta edificare la struttura era diviso tra due proprietà, noi e la Provincia di Brescia, titolare della ex sp510. Abbiamo voluto evitare discussioni e burocrazia in merito. Il secondo invece, è dettato da questioni paesaggistiche: la posizione della biglietteria era inizialmente tra i due pontili, e l’Amministrazione ci ha chiesto di spostarla dal cono di visuale tra la chiesa parrocchiale e il lago. Nessun problema: ce ne stiamo occupando. Gli uffici tecnici si sono messi al lavoro e hanno già inoltrato la variante del progetto alla Sovrintendenza, che ha tempo 90 giorni per dare una risposta affermativa o meno. Probabile che questa arrivi in tempi brevi». RINALDI non ha voluto rispondere alle polemiche sollevate da Legambiente, che contestano l’opera come inutile e dannosa: «Ci tengo a sottolineare - ha spiegato - che non si sta parlando di un porto, ma di un attracco: da Sale Marasino transita il 20 percento del traffico circolante sul lago: fra 300 e 350 mila passeggeri l'anno salgono e scendono dal battello. Il secondo pontile darà maggior fluidità al traffico e permetterà alle motonavi di attraccare in tutta sicurezza, senza dovere attendere in mezzo al lago partenze o arrivi del battello per Carzano di Montisola». Dunque i lavori procederanno come da cronoprogramma e il cantiere dovrebbe essere pronto per l’inizio della stagione estiva. •

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1