CHIUDI
CHIUDI

27.07.2019

L’ultimo saluto a Cossu: avvocato dal cuore grande e pilastro della comunità

L’avvocato Enzo Cossu
L’avvocato Enzo Cossu

Con grande affetto, rispetto e gratitudine tutta Rovato è pronta oggi a rendere l’ultimo saluto all’avvocato Enzo Cossu, un grande protagonista della vita della comunità, che si è spento all’età di 90 anni. Nato a Rudiano nel 1930, per ttta la vita si è speso per aiutare gli altri in molti ambiti della vita civile. Dal 1958 è stato vicepresidente della fondazione dell’Orfanotrofio San Carlo, dove dal 1951 sono stati accolti bambini abbandonati e affidati dal Tribunale dei minori. Su quell’esperienza l'amministrazione comunale di Rovato, in queste ore segnate dal lutto, ricorda: «Erano anni difficili quelli, spesso non si sapeva come soddisfare le esigenze fondamentali di tanti dei fanciulli. Ci volevano grandi uomini per gestire simili emertgenze». DI ENZO COSSU si ricorda soprattutto una nobiltà d'animo d'altri tempi. In un intervista di qualche anno fa del distretto 2050 del Rotary International, per cui è stato per tre volte governatore, particolarità unica al mondo, sono state alcune parole a sottolinearne l'affezione e l'orgoglio di farne parte, «un gruppo in cui si condividono amicizia e valori, una famiglia, con cui si opera a servizio di chi soffre», aveva detto. UN’ATTIVITÀ di volontariato assidua la sua, anche per i 13 anni come presidente del comitato provinciale della Croce Rossa, dove tra i numerosi interventi si ricorda l'aiuto portato alla popolazione di Sarajevo con un ambulanza. È stato inoltre tutore per 10 anni dei bambini del Ruanda, paese segnato dall’atroce genocidio del 1994. Inoltre ha ricoperto cariche amministrative importanti: durante il primo mandato dell'architetto Alberto Cavalli alla presidenza della Provincia, Cossu è stato assessore provinciale all'Ecologia, predisponendo il piano cave provinciale, che mancava da 35 anni. E ancora: a Rovato è stato presidente del Civico corpo bandistico e presidente del vecchio ospedale. PER 56 ANNI ha esercitato l'attività di avvocato, con studi a Brescia e come coordinatore di uno studio legale nel centro di Rovato, dove è stato vice pretore nella locale pretura di Rovato e per più di 35 anni giudice conciliatore di Rudiano. Tanti gli onori ricevuti: Cavaliere di gran croce al merito della Repubblica italiana, Cavaliere del sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio, col grado di Commendatore di merito, nel 2014 era stato inoltre onorato dal Comune di Rovato del Leone d’oro, massima benemerenza civica. Ma più dei titoli, degli incarichi e degli onori, è per la generosità di uomo onesto che tutti lo ricorderanno. L’ultimo saluto oggi pomeriggio alle 16 nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta.

S.DU.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1