CHIUDI
CHIUDI

30.10.2020

Sarà una Provinciale a prova di «bomba»

Sulle strade di Cellatica è operazione sicurezza: segnaletica e non solo per abbattere i profili di rischio La Polizia locale di Cellatica: avrà nella tecnologia un nuovo alleato
Sulle strade di Cellatica è operazione sicurezza: segnaletica e non solo per abbattere i profili di rischio La Polizia locale di Cellatica: avrà nella tecnologia un nuovo alleato

Strategie di sicurezza urbana: massima operatività per la polizia locale. A Cellatica il progetto è in dirittura d’arrivo, per tutelare i pedoni, sulla Sp 10 e per reprimere la micro criminalità. LA RIQUALIFICAZIONE della segnaletica, adiacente ai plessi scolastici su tutta la via Risorgimento, è un piano da 15 mila euro. Nel programma le opere, riguardano attraversamenti e segnaletica a terra, cartellonistica verticale, luminosa per la nebbia, ma anche guard rail, «per impedire che durante un eventuale incidente l’auto possa investire i pedoni sul tratto», come hanno fatto notare gli addetti ai lavori. Una messa in sicurezza che verrà conclusa prima della stagione invernale, e che limiterà la velocità a 30 orari sul tratto delle scuole. «Sono state fatte economie precedenti, al fine di potere ad oggi procedere con questo piano sicurezza, che era da tempo tra le priorità», ha spiegato l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Marco Marini. La strada provinciale 10, è un importante nervatura che mette in collegamento la Franciacorta a Brescia.Il tratto che passando da Gussago attraversa Cellatica è noto per l’elevata entità di traffico, che ha reso necessaria la riqualificazione strutturale. Ma non solo: una ricerca da parte della Polizia locale sulla velocità (molti i casi registrati in cui vengono superati i limiti e tanti gli incidenti stradali) e le eventuali problematiche relative al passaggio delle auto sul tratto delle scuole, (dove vi è alta concentrazione di pedoni) è già in atto da tempo. Secondo i risultati rilasciati dal comandante della locale Marco Matteo Mensi, sul tratto transitano mensilmente una media di un milione e 100 mila veicoli (39 mila di media al giorno); Durante il periodo di punta del Covid tra febbraio e aprile sono state 300 mila i veicoli (9 mila di media al giorno). Una strada pericolosa, che va governata con attenzione e lungimiranza. Per incrementare i controlli inoltre, a breve verrà definito un progetto, riguardante l’ampliamento sul sistema di videosorveglianza, e di lettura e riconoscimento targhe, con un investimento di 70 mila euro. LE TELECAMERE verranno posizionate in zone sensibili: le piazze, le principali vie di accesso, e il parcheggio in area cimiteriale, che è stato oggetto nel tempo di diversi furti ed atti vandalici. Dallo scorso weekend, come ciliegina sulla torta, è stata concentrata anche l’attività di pattugliamento della locale, per la sensibilizzazione, e la prevenzione, sulle misure anti covid e il coprifuoco, con servizi ad hoc, serali e notturni. •

Simona Duci
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1