CHIUDI
CHIUDI

25.08.2019

Le penne nere «griffano» una Via Crucis molto speciale

Dopo la chiesetta degli alpini che protegge Borno, le penne nere, da un’idea di Martino Filippi e con l’aiuto dello storico locale che recentemente ha pubblicato la ricerca sui caduti della Prima guerra mondiale, Francesco Inversini, inaugurano la Via Crucis alpina. Succederà oggi, e il percorso parte dalla Val di Moren, da cui transitano gli alpinisti in cammino verso San Fermo e le cime che guardano Borno, per raggiungere la chiesetta costruita con tante ore di volontariato. LE STAZIONI saranno dedicate al ricordo delle terribili battaglie della Prima e della Seconda guerra mondiale, dei commilitoni morti e dei caduti di tutte le guerre. La cerimonia di inaugurazione vedrà la presenza del sindaco Matteo Rivadossi, del curato don Simone Ziliani che benedirà l’opera e degli alpini delle sezioni di Valcamonica. Fortemente voluta dal gruppo di Borno per completare l’area, la Via Crucis precede un’altra opera che gli membri dell’Ana hanno già messo in campo: il bivacco che nei prossimi mesi sarà realizzato alle spalle della chiesetta. In caso di maltempo la manifestazione sarà rinviata. •

C.VEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1