CHIUDI
CHIUDI

21.05.2019

Breno, opere e commercio a confronto

Alessandro Panteghini in campoGiampiero Pezzucchi
Alessandro Panteghini in campoGiampiero Pezzucchi

I primi nodi da sciogliere saranno il completamento della riqualificazione di piazza Ronchi e la realizzazione dell’ascensore per il castello: queste le grandi opere attorno alle quali dovranno lavorare da subito i nuovi amministratori brenesi, chiamati però anche a rivitalizzare il commercio in crisi e a rianimare un centro sempre più vuoto. Un compito per cui si candidano Alessandro Panteghini, un bancario 49ennne vicesindaco uscente a capo di «Uniti si può - Breno civica Panteghini sindaco», e Giampiero Pezzucchi, commerciate 54enne capogruppo dell’attuale minoranza con alle spalle 15 anni di vita civica in maggioranza e in minoranza, candidato di «Progetto Breno». Per loro anche il compito di gestire il «regalo» che il direttore generale di Metalcam, Mario Cocchi, vuole fare da tempo a Breno: un nuovo complesso sportivo polivalente con impianti per calcio, tennis, bocce e altro da realizzare nell’ampia area di proprietà a ridosso della zona industriale di Onera. Per il resto, Panteghini ha sposato la linea della continuità pur avendo rinnovato quasi per intero la propria lista, e per ridare linfa a Breno proseguirà quelle opere delle quali si parla molto: dall’adeguamento dell’ex Tribunale, destinato ad accogliere la nuova Compagnia camuna della guardia di finanza, alla riqualificazione di diverse vie del capoluogo e della caserma dei carabinieri (per il nucleo femminile), passando per il risanamento del palazzo ex Eca e dalla sistemazione dell’angusta strada di località Lavarini. Pezzucchi mette al centro l’urbanistica, il commercio, il turismo e i trasporti, pensando alla riqualificazione di via Mazzini e delle piazze, al recupero del centro e delle proprietà comunali, al sostegno alle attività commerciali con l’introduzione di sgravi, al rilancio del marchio De.Co., al restauro di beni storici e alla valorizzazione del circuito archeologico e museale. Il candidato di Progetto Comune mette poi l’accento su un a suo dire necessario piano del traffico e dei parcheggi e sulla concessione gratuita ai giovani in fase di start up di spazi comunali serviti dalla banda larga. •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1