CHIUDI
CHIUDI

29.11.2019

Fotografo e scrittore L’eredità Francesconi

«Tita» ha voluto dedicargli un libro per rivalutare un personaggio che a Breno è poco conosciuto. Giovanni Battista Canossi, Tita per tutti, gli è stato amico e con lui ha condiviso la passione per la montagna. «Giovanni Francesconi (il canto di un...imbalsamatore di memorie)» è il titolo della pubblicazione presentata poche sere fa dallo stesso autore, da Marina Moscardi e da Raffaella Garlandi, grandi conoscitrici di Breno, della sua storia e delle sue tradizioni. Francesconi, morto nel 2007 a 77 anni, oltre a essere fotografo e stampatore in bianco e nero, era anche un poeta e un narratore, e nel libro che lo ricorda, Tita ha raccolto le sue opere in dialetto e in lingua; le ballate e le satire. Nella sua opera ha ricevuto un importante supporto familiare da Milena ed Elena, rispettivamente cognata e nipote di Francesconi, e da Giovanni Bonfadini, direttore del progetto «Atlante lessicale bresciano». •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1