CHIUDI
CHIUDI

09.05.2019

La rotonda dei desideri diventerà presto realtà

Il punto in cui sarà realizzata la nuova rotatoria a nord di Breno
Il punto in cui sarà realizzata la nuova rotatoria a nord di Breno

Sarà realizzata durante l’estate la nuova rotatoria all’intersezione tra la Statale 42, la Provinciale e via Da Vinci nella zona a nord di Breno, destinata a rimpiazzare l’attuale svincolo della superstrada, che obbliga i mezzi in uscita dalla bretella che viaggiano verso nord a compiere prima un tragitto di quasi un chilometro in direzione opposta. È dell’altro ieri la pubblicazione del bando per i lavori da parte del Comune, con scadenza alle 10 di martedì 28 maggio. L’impresa vincitrice avrà poi 56 giorni di tempo per realizzare l’opera, con la conclusione dei lavori che sarà di poco successiva all’apertura del terzo supermercato in zona, quello progettato dalla catena alimentare tedesca Aldi, che si aggiunge ai già esistenti Lidl e Iperal. L’ACCORDO. Lo scorso 11 aprile la giunta presieduta dal sindaco Sandro Farisoglio aveva approvato il progetto esecutivo della rotatoria, che si deve all’accodo programmatico siglato tra il Comune e la Provincia. Lo scorso settembre l’allora presidente Pier Luigi Mottinelli e il sindaco sottoscrissero un documento in base al quale Palazzo Broletto partecipava alla realizzazione della rotonda, mettendo a disposizione 160.000 euro, mentre dal canto suo il Comune finanziava l’opera con altri 170.OOO euro. Nell’occasione la Provincia cedeva contestualmente al Comune un tratto della ex Statale 42 sul lato sinistro e destro per la realizzazione del rondò. L’intervento si concretizzerà grazie alla partecipazione di alcuni privati che provvederanno pure all’abbattimento e alla ricostruzione a poco distanza della famigerata cabina elettrica, ultimamente ritinteggiata per decenza: per anni, troppi anni, quel piccolo manufatto ha rappresentato un comodo alibi per salvaguardare il terreno al limitare del quale spiccherà ancora per poco, avendo già fatto pessima mostra di sé con quell’unico filo elettrico penzolante verso la zona industriale di Onera. E la presenza dell’«ingombrante» cabina ha purtroppo provocato la realizzazione dell’attuale e inopportuno svicolo in luogo di una più funzionale rotatoria. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1