CHIUDI
CHIUDI

15.01.2020

Camuni di prestigio Ecco l’Ordine al Merito per due nuovi Cavalieri

Angelo Farisoglio
Angelo Farisoglio

Il passaggio tra vecchio e nuovo anno ha registrato una buona notizia per il prestigio della Valcamonica. È stata rappresentata dall’assegnazione a due camuni dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. L’importante riconoscimento è stato assegnato ad Angelo Farisoglio, un 71enne di Breno nativo di Sale Marasino, e a Giacomo Cappellini, un 68enne residente a Braone ma originario di Cerveno; entrambe persone molto conosciute nella valle dell’Oglio. Farisoglio, nella vita professionale ragioniere commercialista con uno studio a Breno, svolge questa libera professione da quasi mezzo secolo, ma dopo il lavoro ha avuto modo (e succede anche oggi) di mettersi in luce per il suo significativo impegno nel volontariato, a partire dalla presidenza della Pro loco ricoperta per quasi vent’anni. Fra i promorori dell’Anffas di Valcamonica, dall’inizio degli anni Novanta il neo Cavaliere è presidente della Cooperativa Arcobaleno, che si occupa dell’assistenza alle persone con disabilità di diverse età. Per lunghi anni membro del collegio sindacale della Banca di Valle Camonica, attualmente è anche alla presidenza del Sol.Co. Camunia, il consorzio che riunisce un notevole numero di cooperative che operano nel sociale, e di Radio Voce Camuna. GIACOMO Cappellini, nipote dell’omonimo ed eroico comandante delle Fiamme verdi Medaglia d’oro al valor militare, è un imprenditore e un alpino nella divisa e nel cuore. Gestisce con il fratello Gianmario la società ereditata dal padre, la «Cappellini srl» di Braone, azienda leader dagli anni ’70 nel settore della lavorazione della pietra, del marmo e del granito. Ma è conosciutissimo soprattutto fra gli alpini (è un tenente in congedo) per aver ricoperto la carica di presidente per due mandati ininterrottamente, dal 2010 al 2016, e prima ancora quella di vicepresidente (dal 2008). Molto legato alla memoria dello zio partigiano, gli ha dedicato nel 2003 la pubblicazione del libro «Alla Mirabella, lettere dal carcere».

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1