Chiude con il cinema «Viva Palestina»

Termina ad Angolo Terme il festival «Viva Palestina» che in quattro differenti iniziative, ospitate a Malegno, Gianico, Lovere e nel centro termale camuno, ha proposto in Valle Camonica arte, cucina tipica, cinema e dibattiti dedicati alla causa palestinese. Il Festival è promosso dal gruppo «L'Italia che R/Esiste», impegnato dal febbraio 2019 a testimoniare in Valle Camonica il proprio dissenso alla crescente criminalizzazione delle politiche di accoglienza e all'ingiusto rifiuto del diritto a migrare. L’ultimo appuntamento della rassegna dedicata alla Palestina si occupa di cinema ed è in programma domani alle 20 nel teatro dell’oratorio. A introdurre la serata la presentazione delle attività del gruppo «Gaza freestyle» nato per dare risposte alla necessità dei giovani di Gaza di utilizzare le discipline di strada come forma di espressione e libertà. Ad Angolo sarà presentata l’attività dedicata alle donne coinvolte in laboratori di educazione sessuale e all'affettività, lezioni di yoga e autodifesa, dibattiti e scambi culturali con diverse associazioni dislocate lungo tutta la Striscia di Gaza. Dai campi profughi di Jabalia e Beith Hanoun alle tende delle beduine vicino al confine con Israele, gli attivisti di «Gaza Freestyle» hanno coinvolto più di 500 donne di tutte le età. Al termine sarà proiettato il film «Sarura» che racconta la storia di un gruppo di giovani palestinesi impegnati a restituire alla propria gente le terre sottratte alle loro famiglie, ristrutturando l’antico villaggio di grotte di Sarura.•. G.Gan.