cividate camuno

Conto alla rovescia per l'apertura del nuovo Museo archeologico nazionale

Una sala del nuovo museo nazionale di Cividate Camuno
Una sala del nuovo museo nazionale di Cividate Camuno

A quarant’anni dall’inaugurazione dopodomani, venerdì 11 giugno, apre il nuovo Museo archeologico nazionale della Valle Camonica a Cividate Camuno. «Il nuovo museo, collocato nel centro storico, con un percorso razionalizzato ed ampliato rispetto alla vecchia sede, risponde a molteplici esigenze: innanzi tutto a quella di dare spazio ad un patrimonio, quello emerso dagli scavi, in continua crescita, - spiega Emanuela Daffra, Direttore regionale Musei Lombardia del Ministero della Cultura alla presentazione questa mattina  - poi a quella di aggiornare i percorsi rispetto all’affinarsi degli studi e ai nuovi orizzonti della disciplina, infine, ma non da ultimo, per avvicinare un pubblico che ha abitudini visive, stili e modelli di conoscenza completamente diversi rispetto agli anni Ottanta ed in continua evoluzione».

Il museo si trova nel centro storico di Cividate Camuno, nel cuore della Civitas romana e dell’abitato medioevale. «Ogni sezione è connotata da un colore, che ricorre anche nel progetto di allestimento - spiega Ilaria Volta dello studio di architettura Volta di Brescia che ha curato progetto architettonico, museografico e di allestimento - traducendo le intenzioni del progetto scientifico in un linguaggio nuovo e accogliente».

Sono esposti i reperti di età romana trovati a Cividate Camuno e nel territorio: materiali degli insediamenti tradizionali, una collezione epigrafica, monumentali elementi architettonici e scultorei, affreschi dalle domus e corredi funerari dalle necropoli. «Il nuovo museo, con rimandi anche ai luoghi vicini, contestualizza i ritrovamenti della Valle Camonica nel quadro più ampio dell’arco alpino, ponendosi così come un museo della romanizzazione delle Alpi» evidenzia Serena Solano, direttore dei Parchi della Valle Camonica romana e curatore scientifico del progetto.

Suggerimenti