CHIUDI
CHIUDI

13.11.2019

Si va a spasso insieme al Fai lungo le tracce della guerra

Il Fai di Valcamonica ripercorre, ancora una volta, la storia del territorio. Lo farà domenica, organizzando una passeggiata sui percorsi ritrovati, un viaggio lungo le importanti tracce rimaste della fortificazione difensiva tedesca «Linea blu», oggi sconosciuta ai più, che si svilupperà tra Gianico e Darfo. L’escursione «La Blaue linie in bassa Vallecamonica» servirà ad approfondire le caratteristiche dello sbarramento difensivo tedesco realizzato dall’Organizzazione Todt durante la Seconda guerra mondiale quando, in previsione dello sfondamento della Linea Gotica da parte degli alleati, le forze armate tedesche comandate dal feldmaresciallo Kesselring approntarono, nell’ultimo proprio scorcio dell’ultimo conflitto mondiale, un ulteriore sbarramento difensivo, la Voralpenstellung, meglio conosciuta appunto come Blaue linie, che attraversava per circa 400 chilometri l’Italia settentrionale, dal Friuli alla Valtellina. La realizzazione di quelle imponenti fortificazioni interessarono anche la bassa Valcamonica, e saranno appunto oggetto della visita proposta dal Fai in cambio di un contributo libero a partire da cinque euro a persona (che diventano 30 per chi vorrà partecipare al pranzo). Il programma prevede il ritrovo nel Centro anziani di Gianico alle 10.15, dove verrà anche illustrato il percorso; alle 10.45 la partenza a piedi per la passeggiata illustrata lungo «L’Arca» (un muraglione di sbarramento alto 8 metri), la visita al bunker della famiglia Filippi, il trasferimento a piedi verso la località Pesegata costeggiando tutta la linea anticarrro fino all’Oglio e la presentazione di altri bunker Alle 12.30 con mezzi propri ci si trasferirà nel Centro congressi di Boario per il pranzo (libero o su prenotazione) mentre alle 14 è prevista la proiezione di una rassegna fotografica e video con le testimonianze dell’epoca, e alle 14.30 la visita ai tunnel in roccia innestati nella collina del Castellino di proprietà dei titolari dell’omonimo ristorante. •

C.VEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1