CHIUDI
CHIUDI

30.06.2020

Dopo l’ennesima protesta l’Anas rappezza la statale

Il riempimento della «buca» sulla statale 42 a Ceto
Il riempimento della «buca» sulla statale 42 a Ceto

Sono serviti quasi due anni all’ex carabiniere Sergio Tamburro per vincere la battaglia che ha portato avanti coinvolgendo le istituzioni e soprattutto decine di malcapitati che hanno subito danni (spesso ingenti) percorrendo quel famigerato tratto di statale del Tonale. Alla fine della settimana scorsa, e a pochi giorni dell’ennesimo attacco dell’ex militare riportato dalle colonne del nostro giornale, il pericoloso avallamento che ha fatto strage di pneumatici e ammortizzatori vicino alla galleria di Ceto è stato cancellato con una semplice camionata d’asfalto. Potenza (forse) dei mass media: stavolta l’Anas ha colto in fretta il messaggio. IN MENO di due ore gli operai dell’impresa Giudici di Rogno hanno prima fresato la carreggiata per tutta la sua larghezza e per una lunghezza di cinque/sei metri e poi posato il nuovo manto. Ora tutti in valle si augurano che l’ente gestore delle strade dimostri la stessa sollecitudine per mettere in sicurezza le troppe situazioni a rischio da Darfo al Tonale.

L.FEBB.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1