CHIUDI
CHIUDI

18.07.2019

Edolo ultimo bastione del dominio asburgico

Credevamo di esserci liberati dagli Asburgo il 24 giugno del 1859, quando i bersaglieri fecero sanguinosamente sloggiare gli austro-ungarici dal colle di San Martino della Battaglia, ponendo fine al dominio di Vienna sul lato lombardo del Lombardo-Veneto. E invece no. Strade, mura, stazioni e ponti asburgici, manufatti edificati nelle nostre contrade quando stavamo sotto il tallone imperial-regio, sono ancora qui a pestarci i calli e non c’è callifugo: sono monumenti storici e guai toccarli. A Edolo, tipo, c’è un breve tunnel asburgico che è un vero e proprio imbuto: stretto come ogni opera stradale ottocentesca (si girava col calesse ai tempi), strozza la viabilità. Sale dal popolo la richiesta di allargare il sottopasso, il sindaco scalpita e tuona che quel budello ha stufato, ma Anas e Soprintendenza rispondono che «Nein!»: il manufatto, in quanto asburgico, non si tocca. Ma non ce ne eravamo liberati?

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1