CHIUDI
CHIUDI

21.03.2019

I baby sciatori «pazzi» per lo skipass gratuito

Lo skipass è gratuito per i minori dei 75 Comuni che hanno aderito
Lo skipass è gratuito per i minori dei 75 Comuni che hanno aderito

Il progetto «Free skipass» avviato tre anni fa dal Consorzio Bim e riservato a bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni per incentivarne la pratica sciistica, è caratterizzato da un crescente successo anche per la stagione che va ad esaurirsi. L’adesione delle società impiantistiche camune che operano nelle Ski Area Adamello Ski di Ponte di Legno-Tonale, Borno, Montecampione, Val Palot ed Aprica, Schilpario, Presolana e Monte Pora, ha consentito di emettere fino all’altro giorno ben 4978 skipass. I Comuni aderenti all’iniziativa che contribuiscono impegnando 1 euro per ogni cittadino, sono stati 75, per un totale di 182.971 abitanti. In dettaglio i tesserini emessi nei 40 Comuni della valle sono stati 2796, 180 in Val di Scalve, 474 nei Comuni del Sebino (Marone, Pisogne, Sale Marasino, Sulzano, Zone ed Iseo), 819 nei Comuni dei laghi bergamaschi, 635 nella Val Seriana e 74 a Paratico 74. Il presidente di Bim e Comunità montana Oliviero Valzelli ha tracciato un bilancio assai positivo dell’iniziativa che ha fatto segnare nella stagione corrente la nuova adesione di tre Ski Area (Schilpario, Presolana e Monte Pora), di otto comuni bergamaschi e di due bresciani (Zone e Paratico): «Stiamo consolidando in modo confortante ed in prospettiva lo sviluppo del turismo bianco, tenendo conto che i ragazzi detentori dello skipass sono presenti sulle piste con lo sci club di appartenenza o con i loro genitori. Per loro poi la giornata sulle nevi non si conclude in pista ma anche con l’utilizzo delle strutture ricettive delle stazioni sciistiche. Per parte nostra cerchiamo di incentivarli fin da piccoli garantendo continuità e incentivi per b farli proseguire nell’attività». Valzelli si dice certo che il progetto avrà continuità augurandosi nel contempo che la Regione si faccia promotrice dell’estensione di «Free ski pass» all’intera Lombardia. Il presidente di Bim e Comunità Montana ha poi avuto di apprezzamento per tutte le stazioni sciistiche camune, con una menzione d’obbligo per Ponte di Legno/Tonale, «uno dei migliori comprensori in assoluto dell’arco alpino, in grado di prestare servizi e garantire qualità, che ha saputo investire fin qui in modo assai positivo con prospettive di nuove allettanti offerte». •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1