CHIUDI
CHIUDI

21.10.2019

Chiara vola in alto
con il suo
pony tricolore

Chiara Berton ha centrato  il titolo tricolore nella specialità attacchiUna delle prove più difficili del trittico  che compone la gara
Chiara Berton ha centrato il titolo tricolore nella specialità attacchiUna delle prove più difficili del trittico che compone la gara

Una passione sfrenata per l’equitazione, che l’ha portata sul tetto d’Italia. Nel concorso svolto a Caravino, in Piemonte, la 14enne Chiara Berton di Pisogne, ha conquistato il titolo nazionale di «Completo attacchi Pony», categoria Addestrativa avanzata. SI COMPETE in una serie di tre prove: dressage, maratona e coni, in cui Chiara ha trionfato sbaragliando le concorrenti di tutta Italia: «L’Attacchi - ha spiegato la campionessa - è una disciplina equestre in cui si gareggia su una carrozza trainata dal pony. In Italia non è molto famoso, ma siamo in tanti a praticarlo». Il Dressage è la parte più conosciuta, mentre la Maratona consiste in un percorso a ostacoli di 11 chilometri; Coni, infine, è un tracciato in cui si devono passare delle porte senza far cadere i pesi in bilico alle estremità. «Sono risultata la migliore nella Maratona - racconta Chiara - e sono davvero molto soddisfatta perchè se ne fanno poche durante la stagione. Ho vinto la medaglia d’oro e sono davvero felice. Anche la mia istruttrice, Larissa Lombardi, nella sua categoria ha vinto il bronzo». Chiara gareggia per il circolo ippico Ruk di Angone di Darfo Boario Terme dove, all’età di 8 anni, ha iniziato a cavalcare: tre anni fa la prima gara, in sella a Niagara, ma ora il suo pony è Rudy: amore a prima vista. «RUDY è arrivato da noi a gennaio di quest’anno - spiega la giovanissima campionessa - e non aveva mai fatto gare. Non è un super cavallo, ma mi dà tanto e ci troviamo bene insieme. L’ho cresciuto io e abbiamo un ottimo rapporto: questo è importante per affrontare certe situazioni. A Caravino è stato collaborativo e veloce: la vittoria va di sicuro divisa a metà». La campionessa tra l’altro non è nuova a risultati importanti: «Gareggio da tre anni negli Attacchi - conferma -: sono arrivata seconda a Roma alle Ponyadi e terza al Campionato delle Regioni a Padova. Speravo di conquistare l’oro nazionale e ce l’ho fatta. Abbiamo lavorato molto, ma ne è valsa la pena». Gli obiettivi futuri sono di alto livello: «Voglio partecipare all’Europeo che si terrà a Parigi l’estate prossima - chiude Chiara. e lavorerò per ottenere il massimo». •

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1