CHIUDI
CHIUDI

23.12.2019

Perquisito e arrestato per un fucile fuorilegge

I precedenti accumulati nel passato non gli erano evidentemente bastati, questa volta un pisognese, tornato nell’orbita dei carabinieri, è finito nei guai per il possesso di un’arma di piccolo calibro vietata per l’uso venatorio, ma molto usata e molto diffusa tra i bracconieri specializzati nell’abbattimento illegale dei piccoli uccelli. Il possesso di un fucile monocanna di fabbricazione artigianale calibro 8, prodotto clandestinamente e per questo senza alcun numero di identificazione, un «Flobert» per gli addetti ai lavori, di un centinaio di munizioni e di una ventina di grammi di polvere da sparo per la ricarica delle cartucce è costato l’arresto al camuno, visitato nei giorni scorsi a domicilio dai militari delle stazioni di Adro e di Pisogne. Ora gli agenti cercheranno di risalire all’origine dell’arma, mentre l’ex proprietario, dopo la convalida dell’arresto, in attesa del processo dovrà presentarsi ogni giorno in caserma. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1