CHIUDI
CHIUDI

17.04.2019

Turbativa d’asta: assessori e primo cittadino verso l’udienza preliminare

Udienza preliminare per il sindaco di Paspardo e due assessori
Udienza preliminare per il sindaco di Paspardo e due assessori

L’udienza preliminare è stata fissata. Il 19 giugno prossimo davanti al gup compariranno il sindaco di Paspardo Fabio De Pedro, il vice sindaco Caterina Dassa e l’assessore Aristide Salari. Sono tutti coinvolti nell’inchiesta della procura di Brescia in cui l’ipotesi di reato è la turbativa d’asta. Un’inchiesta venuta alla ribalta delle cronache lo scorso novembre quando il sindaco venne sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, poi revocati. AL CENTRO DELLA VICENDA c’è la riqualificazione energetica del municipio di Paspardo . Un appalto del valore di 244mila euro. Secondo la ricostruzione dell’accusa si è proceduto a uno «spacchettamento» che avrebbe portato alla turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Il valore complessivo dell’appalto è stato diviso, sulla base delle indagini, in nove lotti. Quelli che vengono definiti «lotti funzionali». A Paspardo i lotti sarebbero quindi stati fissati in importi uguali o inferiori a 40mila euro. Una ripartizione non vietata dalla legge che però prevede che ogni lotto sia autonomo e quindi tale da non inficiare, se non realizzato, la realizzazione degli altri. Secondo gli inquirenti nel caso di Paspardo non si sarebbe potuto procedere allo spacchettamento nell’appalto per la riqualificazione energetica del comune di Paspardo. Sempre sulla base di quanto emerso dalle indagini lo spacchettamento sarebbe avvenuto solo per ricerca di consenso, senza alcun tornaconto economico. Durante l’interrogatorio di garanzia il sindaco ha risposto per circa un’ora al giudice. Fornì al magistrato la propria versione dei fatti, in particolare spiegò d’aver sempre agito in buonafede. Il giudice accolse la richiesta di revoca degli arresti domiciliari e il sindaco tornò in libertà. Nel frattempo però l’inchiesta è andata avanti e il pm Ambrogio Cassiani ha chiesto il processo per i tre indagati. Sulla richiesta, il 19 giugno prossimo, sarà chiamato a pronunciarsi il gup. Una vicenda che ha scosso la comunità di Paspardo e che ora è attesa da un altro importante passaggio. © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1