il provvedimento

Schiamazzi e lanci di bottiglie a Darfo: scatta il "Daspo Willy" per 6 giovanissimi

Emesso anche un divieto di ritorno a Lonato del Garda a carico di un uomo e una donna che si sono resi protagonisti di un'aggressione ad un'altra coppia

Avevano creato disordini e arrecato danni in alcuni esercizi pubblici di Darfo Boario Terme per questo sei ragazzini, di cui due minorenni, sono stati raggiunti dal provvedimento “Daspo Willy” (la misura introdotta nel decreto sicurezza per prevenire potenziali problemi di ordine pubblico nei bar della movida che prende il nome di Willy Monteiro Duarte, il ragazzo ucciso di botte a Colleferro nel settembre 2020 durante una rissa). La misura - spiega la Questura in un comunicato stampa -  "avrà durata   di un anno ed è stata emessa dal questore di Brescia ai sensi art 13-bis, D.L. n. 14/2017 (“Disposizioni per la prevenzione di disordini negli esercizi pubblici e nei locali di pubblico trattenimento e contro la movida violenta). I provvedimenti in questione sono stati emessi a seguito degli accertamenti dei Carabinieri che hanno portato all’identificazione del gruppetto che era stato segnalato per aver arrecato disordini e disturbo alla quiete pubblica con schiamazzi e rumori". Il giovani teppisti si erano anche dati al lancio di bottiglie e sedie contro la vetrata di un esercizio pubblico, causandone il danneggiamento. 

Sempre su segnalazione dei Carabinieri il questore ha emesso anche il divieto di ritorno per la durata di tre anni, nel Comune di Lonato del Garda a carico di due bresciani. Nella circostanza, un uomo ed una donna residenti entrambi in Brescia, all’esterno del parcheggio di un noto Centro commerciale della Provincia, a seguito di uno screzio per questioni di viabilità, aggredivano, colpendo con calci e pugni, una coppia di fidanzati, cagionando loro delle lesioni giudicate guaribili rispettivamente in una settimana circa.