CHIUDI
CHIUDI

12.08.2020

«Scuola? La Giunta in ritardo»

La  scuola della Beata
La scuola della Beata

L’apertura dell’anno scolastico è ormai vicina, e valutando gli incontri avvenuti a metà luglio tra sindaco, dirigente e consiglio di istituto del Comprensivo «Fratelli Rosselli» per discutere degli interventi anti contagio a scuola, il gruppo di minoranza «Pian Camuno nuovo inizio» va all’attacco dell’amministrazione comunale. «Né come genitori e neppure come consiglieri comunali possiamo accettare che ancora una volta - commenta il capogruppo Marcello Santicoli - quando si parla di istruzione e di scuola, il sindaco e la sua amministrazione fantasma facciano orecchie da mercante, senza gestire i problemi concreti come la manutenzione degli edifici, le rette della mensa e dei trasporti e, adesso, la destinazione degli edifici comunali per la ripresa dell’attività didattica». Poi il gruppo di opposizione rincara la dose puntando il dito contro la promessa non mantenuta di una nuova sede scolastica per la frazione Beata, e sul fatto che «non è stata presa alcuna iniziativa per intavolare un gruppo di lavoro. Così si è arrivati al mese di agosto senza alcuna soluzione, pur sapendo che la scuola attuale della frazione è quella che offre meno garanzie sulla capienza e sul servizio da organizzare». «PER NOI QUESTO è un altro segnale di superficialità nella gestione dei problemi vissuti dai cittadini - conclude Marcello Santicoli -, ma un modo diverso di amministrare esiste, basta sceglierlo». Nell’incontro di metà luglio, il dirigente scolastico aveva ventilato l’ipotesi di trasferire le cinque classi della Beata nell’edificio del capoluogo, dove gli spazi necessari ci sarebbero. Il sindaco Giorgio Ramazzini si era però detto scettico, perché si sarebbero concentrati troppi bambini in uno stesso stabile. «Siamo al lavoro per garantire a scolari e genitori il minor disagio possibile», è stata la risposta del primo cittadino. Si vedrà a settembre quali sono state le scelte effettuate per la scuola della Beata nel rispetto delle norme anti contagio. •

D.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1